venerdì 13 aprile 2007

BONIFACIO VIII: UN PAPA CORAGGIOSO

Salve amici, bloggers e semplici curiosi!

Iniziamo col comunicarvi una novità che riguarda il nostro libro: da aprile è in vendita anche nelle più importanti edicole d’Italia. C’è chi ci ha già scritto dicendoci di averlo acquistato alla Stazione Centrale di Milano e alla Stazione Termini di Roma. E’ un’occasione per chi viaggia per passare qualche ora in “piacevole compagnia”.
Cogliamo l’occasione anche di salutare don Agostino e i boy scout con i quali abbiamo passato una splendida giornata a Bormio. Ma ora veniamo al consueto post.

Quando parliamo della storia dei templari non possiamo tralasciare quella di Papa Bonifacio VIII, al secolo Benedetto Caetani, originario della splendida città di Anagni.
Di famiglia nobile, Bonifacio nacque intorno al 1230 e divenne successore di San Pietro nel Conclave che si riunì a Napoli il 24 dicembre 1294.
Fu giurista e canonista ma, soprattutto, strenuo ed intransigente difensore della supremazia della Chiesa nelle cose spirituali e temporali sui poteri laicali, rappresentati da alcuni monarchi dell’epoca, come Carlo II d’Inghilterra, Edoardo I d’Inghilterra e Filippo IV di Francia, che erano in lotta tra loro. Fu proprio questo scontro tra Francia ed Inghilterra che portò Bonifacio, propugnatore di una pace tra i due Stati, ad una pressante intromissione negli affari del re di Francia, il che lo rese inviso a Filippo.
Nel 1295, Bonifacio emanò la Bolla Clericis Laicos, con la quale vietava al clero inglese e francese di fare donazioni ai re e ai principi senza autorizzazione papale. Mentre Edoardo si conformò ai dettami del Papa, Filippo rispose con una ordinanza che interdiceva l’esportazione dalla Francia di ogni sorta di denaro o derrata, con lo scopo di far venire meno molte entrate alla curia romana. Bonifacio, viste alcune situazioni, dovette ripiegare ma subito dopo attaccò Filippo con un’Enciclica nella quale ribadiva il potere della tradizione teocratica dei Papi sui regnanti.
Intanto, in questo tempo, si era proceduto alla canonizzazione in Vaticano di Luigi IX, zio di Filippo, che divenne santo. Ciò diede maggior lustro alla famiglia reale francese che, grazie a questa canonizzazione, poteva interessarsi anche di questioni ecclesiastiche e di dottrina.
Tutto sembrava essere tornato alla normalità nei rapporti tra Santa Sede e Francia quando, all’improvviso, Filippo fece arrestare, nel 1301, Bernardo Saisset, vescovo di Pamiers, con l’accusa di alto tradimento nei confronti della monarchia.
Bonifacio protestò energicamente e con la Bolla Ausculta fili del 5 dicembre indisse a Roma, per il primo novembre del 1302, un sinodo del clero francese nel quale Filippo avrebbe dovuto presentarsi e render conto del suo blasfemo gesto di sfida al pontefice di Roma. A seguito di quell’increscioso evento, Bonifacio ribadì l’esistenza del mandato divino che i Papi hanno per governare e che li pone sopra i regni della terra e i loro re e la doverosa subordinazione di quest’ultimi alla volontà della Chiesa.
Filippo rispose prima liberando il vescovo, poi convocando una dieta di nobili, del clero e di rappresentanti delle città di Francia e rispose che non si sarebbe fatto sottomettere in quanto re per diritto divino. In quell’occasione disse: “ Filippo, re di Francia per grazia, a Bonifacio, con funzioni di sommo pontefice, poca o nessuna salute. La vostra estrema follia sappia che, nelle questioni temporali, non siamo soggetti ad alcuno”.
La risposta di Bonifacio fu la Bolla Unam Sanctam del 18 novembre 1302, con la quale ribadiva che il potere laico e civile è subordinato a quello ecclesiastico.
Stizzito, Filippo IV, in virtù anche della parentela con San Luigi, convocò una nuova dieta a Parigi nella quale accusò Bonifacio di eresia, simonia, magia nera, omicidio, incesto, sodomia, mentre proclamava che la Chiesa era senza una guida e che avrebbe dovuto riunirsi al più presto un sinodo di vescovi per imbastire un processo a quello che ormai considerava un “ex Papa”.
Lo stesso Dante Alighieri, molto legato alla fazione ghibellina e quindi al potere laico, espresse un giudizio negativo su Bonifacio, tanto da metterlo all’Inferno, nel girone dei simoniaci.
Come atto di spregio a Bonifacio, Filippo bruciò sulla pubblica piazza la Bolla, con tanto di suono di trombe, ed ordinò la confisca delle proprietà di tutti i religiosi francesi che appoggiavano il Papa.
Gli emissari del re di Francia giunsero in Anagni per notificare a Papa Bonifacio VIII queste accuse e questa convocazione e, di tutta risposta, Bonifacio emanò la scomunica, Super Petri Solio, nella quale dichiarava che Filippo era scomunicato a diviniis e che i sudditi francesi erano liberi dai vincoli con questo re.
L’escalation ci fu con l’arrivo di Guglielmo di Nogaret, consigliere di Filippo, ad Anagni che, appoggiandosi sulla famiglia Colonna, avversaria di quella dei Caetani, saccheggiò il paese, prese d’assalto il palazzo papale e rubò il tesoro di Bonifacio, il 7 settembre del 1303. Poi, con l’aiuto di trecento cavalieri, sequestrò il pontefice.
Questo episodio fu reso celebre perché il De Nogaret assestò uno schiaffone a Bonifacio in segno di supremazia del Regno di Francia. Bonifacio fu tenuto in segregazione per tre giorni e più volte malmenato ma mai una volta cedette agli ordini di Nogaret che lo voleva prostrato davanti al re francese. Intanto, una folla di cittadini assalì il palazzo, liberò il Papa e mise in fuga i francesi e i Colonna. Il papa tornò a Roma ma non fu più lo stesso dopo quello schiaffo. Affranto nel cuore e nel corpo per le umiliazioni subite, morì per un arresto cardiaco qualche settimana dopo.
Questa è, per sommi capi, la parabola ascendente e discendente di un Papa che seppe restituire al papato una dignità e una forza che da tempo non si vedevano ma, ora, vediamo il caso dei templari inseriti in questo contesto.

Fin dal 1246 i templari erano stati, per varie ragioni, oggetto di critiche da parte dei vescovi francesi (ricordate che l’Ordine del Tempio godeva di un rapporto diretto e non mediato con tutti i pontefici; l’Ordine era papalino e non curiale).
Come abbiamo già citato in un post precedente, è lo stesso Papa Clemente IV nel 1265 a parlare dell’eresia dei templari e a pronunciare nei loro confronti le seguenti parole, come ricorda Alain Demurger: “Se la Chiesa, anche solo per un istante, togliesse la mano che vi garantisce protezione di fronte ai prelati e ai principi secolari, voi non potreste in nessun caso opporre resistenza all’attacco di questi prelati e alla forza dei principi”.
Bonifacio, però, salito al soglio pontificio, aveva costretto Giacomo d’Aragona a rispettare le immunità di cui i templari godevano in virtù della protezione papale. La posizione non poteva essere altrimenti, visto che questo energico Papa ribadiva le piene prerogative di potere che la Chiesa, ed in particolar modo il Papa, dovevano manifestare in tutti gli ambiti della vita civile. Secondo Bonifacio, se i templari erano mal visti da principi e vescovi per presunti comportamenti anti-cristiani, non erano questi ultimi i più adatti a giudicarli. Rimetteva alla figura del pontefice questo arduo compito.
C’è da dire che, durante lo scontro che oppose la tiara alla corona, molti templari francesi presero le difese di Filippo mentre abbiamo significative testimonianze che ci furono alcuni cavalieri del Tempio a proteggere il Papa ad Anagni quando ci fu l’assalto di Gugliemo di Nogaret.
La cosa più sorprendente è che una parte delle accuse rivolte ai templari fu riversata anche nei confronti di Bonifacio.
Sappiamo, per esempio, che Filippo il Bello, dopo la morte del pontefice di Anagni, imbastì un processo contro il defunto pontefice. Le sue spoglie, si dice, furono fatte riesumare in attesa di un verdetto di innocenza o di colpevolezza.
Le accuse che furono pronunciate in questo processo post-mortem furono identiche a quelle che Bonifacio dovette subire in vita e che accomuna i templari a questo Papa. Eresia, stregoneria, magia nera, satanismo, tanto che, secondo De Nogaret, “Bonifacio custodiva nel suo anello pontificale un demonietto”. Inoltre fu accusato di aver ucciso Papa Celestino V e di non credere nella vita oltre la morte. Stranamente, gli atti di questo processo furono archiviati nel 1311 per volere di Papa Clemente V, il quale temeva che Bonifacio potesse essere condannato post-mortem e dichiarato eretico. Clemente avvertiva che sarebbe stato un grave danno per la Chiesa…mentre fosche nubi si stavano addensando sull’Ordine del Tempio che, con Clemente, non godeva più di appoggi particolari.


Michele Allegri & Irene Sarpato

145 commenti:

Anonimo ha detto...

Come al solito un bel post, bisognava rendere onore ed omaggio ad un grande Papa come Bonifacio VIII. Si può dire che difese i templari solo per difendere le prerogative della Chiesa sulle teste coronate europee. Credo che abbiate centrato la verità storica.
Perché non organizziamo una gita ad Anagni?

Francesca Vitale

Anonimo ha detto...

Buongiorno autori,

stavo in pensiero. Dicevo: dove sono finiti?

Ed invece guardo questo simpatico ed istruttivo blog e vedo un post che mi ricostringe a ristudiare la storia. E’ il solito prof. Allegri!!
Mi ero talmente confuso che credevo che papa Bonifacio fosse quello che aveva indetto la crociata.
Be’ si vede che devo ripassare….
Comunque il coraggio non gli mancò, a differenza di Clemente V che si scagliò contro il Tempio.
E non fu il solo. Leggendo un mio vecchio libro ho scoperto che tra Bonifacio e Clemente V ci fu un altro papa, malaticcio che, però, anche lui cercò di fermare le aspirazioni di re Filippo.
Ancora ciao a tutti gli amici bloggersmen

Amedeo

Anonimo ha detto...

Bella raga’ sono Maximinx19ROMA

Mi stavo abboccando… con questo caldo… che mi renza le orecchie. Siamo tornati alla carica?
Ho visto l’ultimo intervento del precedente post. Ancora il cercatorperipatetico neotemplare che zuffa l’allucco con supercazzola dissociata a destra dell’emisfero boreale?
Gli faccio così.. tiè,a lui e al diavolo asmodeo suo compare di riti!!
Tenete duro raga’ che siamo sempre er mejo.

Anonimo ha detto...

Ciao amici, sono Valentina, sto studiando questo periodo della storia con il prof. Mormino, poiché preparo l’esame di storia medievale e vorrei fare una domanda specifica alla dott.ssa Sarpato su Dante Alighieri.
Anch’io ho trovato su molti testi quello che voi scrivete nel Dossier e cioè che il sommo poeta era un fedele d’amore. Io vi chiedo allora di conoscere meglio qualche testo che colleghi Dante ai catari e al movimento del Graal e all’amor cortese.
Mi è sembrato di capire che quei movimenti culturali tenessero in gran conto noi donne..
Ha mai sentito parlare di Guglielma l’eretica, originaria di Biassono e seppellita a Chiravalle là da dove provenne San Bernardo?
Ciao

Anonimo ha detto...

Perché non si prova a mettere a confronto le due personalità, di Clemente da una parte e di Bonifacio dall’altra. Clemente era un francese e quindi una persona molto vicina a Filippo.
Si sa, per esempio, che i due volevano respingere l’ambizione di De Molay di spedire sul soglio pontificio un templare.
Cosa ne pensate?

Come mai massoni e neotemplari non fanno mai una ricerca vera sul Tempio?
C’è una grande pecca di ignoranza in tutti loro, come dice la professoressa Isastia
Bertoldo

Anonimo ha detto...

Sono felice che ci sia una chiara e netta posizione di due autori nei confronti di un Grande Papa. Oggi si mette in discussione pure Pio XII. E’ la solita campagna dissacratoria sulla quale soffiano gli eretici e i senza Dio.
Vi faccio i migliori complimenti per il vostro libro e per un sempre più grande successo.
Con la vostra opera stata svelando quanti eretici si sono infilate come false pecorelle sotto il grembo di Santa Madre Chiesa . Per non parlare di quei sacerdoti che si buttano in pasto alla massoneria scomunicata, adoratrice di bafometto.
Ricordate Padre Pio e difendetevi dagli attacchi dei massoni Yorkisti che pretendono di darci lezione.

Tradizione & famiglia

Anonimo ha detto...

Sono Cottò di Napoli.

Vi scrissi qualche mese per farvi i complimenti per la vostra scelta di fare un blog libero basato su fatti precisi e documentabili. Ho trovato la storia di san Sulpicio assai sorprendente e ho trovato conferma in altri autorevoli libri.
Ho visitato la biblioteca del Congresso Americano è ho chiesto del vostro libro. Me lo hanno dato, dicendomi che è un testo molto consultato da belgi ed italiani. Ho scoperto, infatti, che in Belgio c’è stata una commissione d’inchiesta sui neotemplari Osmtj, Osmth….
Complimenti di cuore e vi invito a fare luce sull’esoterismo magico che circonda il templarismo moderno. In America ci sono più di 500 gruppi neotemplari, sètte che hanno molto potere e che non sono cristiane. Sono persino condannate dalla massoneria ufficiale.
Su Bonifacio conosco poco ma, adesso corro a studiarmi qualcosa, così interverrò più preparato.
So Long

Anonimo ha detto...

Ciao frequentatori di questo blog,

sono Simone da Padova. Quest’estate sto organizzando una serie di gite. Ad Avignone e, visto questo post, ad Anagni.
Se a qualcuno interessa mi può contattare rispondendomi sul blog.
Tanti complimenti agli autori e grazie per quello che ci raccontate.

Anonimo ha detto...

Buongiorno cari autori,

sono il primo che interviene oggi? Romperò il ghiaccio!

sono GiustiXX da Genova.
Vorrei invitarvi ad una serata che stiamo organizzando con il Rotary Club sui templari e sulle cattedrali magiche d’Europa.
Contattatemi a Genova62@libero.it

Anonimo ha detto...

Sono Panch22 e non sono d’accordo con voi autori per quanto riguarda la figura di Bonifacio. Mi è chiaro che rappresenta il potere mondano della Chiesa. La Chiesa dovrebbe più occuparsi di anime che di spade o troni.
Vi ringrazio se pubblicherete questa mia.
Ho letto il Dossier e l’ho trovato imparziale e molto scorrevole da leggere.
Vi faccio i miei più cari auguri di fare altre edizioni. Ho visto che siete anche in edicola.

Anonimo ha detto...

Ho visitato il sito di CercatorPerpetuo che esalta voi autori, dicendovi che vi aveva scritto e aveva speso parole di apprezzamento come editore. Scrive ogni bene su di voi e denuncia una campagna neotemplare contro questo blog di uno che ha usato abusivamente il suo nick .
E’ ignobile che certa gente abbia preso il suo nick per dire cose contro gli autori ma da certa gente bisogna aspettarsi di tutto…chissà chi è stato a fare il clone… chissà….mi sovviene il nome di un panzone basso, calvo, con gli occhiali e le mani paffute che ha una scritta sul mantello crociato
“ For Sale!”. Lascio ad altri svelare questo ignobile attacco agli autori.
Comunque raga’, ripeto, state attenti che il vero CercatortPerpetuo ha scritto sul suo blog di non essere stato lui ad intervenire a fare casino. Mi spiace che abbiano fatto cadere in trappola i nostri poveri due amici autori.
E’ un colpo basso! Un colpo da veri diavoli!

Jabbatheslim1984

Anonimo ha detto...

Salve o’studiosi di storia templare e scopritori di arcani trucchi di venditori di patacche e mantelli a rate. Vorrei dire la mia:

Bonifacio fu un papa che cercò di riequilibrare lo strapotere dei re e principi che volevano metter fine alle crociate e metter il bavaglio al Vaticano.
Secondo me non si fece usare neanche dai templari ai quali interessava solo il loro portafoglio.
Non erano più monaci da tempo ma perseguivano ambizioni politiche supportate da un esoterismo tipicamente pagano, direi quasi nazista.

Adelmo Adeschino Junior

Anonimo ha detto...

Ben trovati scrittori, ben trovati amici bloggers, ben trovati curiosi, come dice Allegri!

Sono Filippo e tocca a me aprire le danze.
Bene!

Ho visitato san sulpicio e ho potuto notare che c’è un altro quadro interessante, quello di Heliodoro che ruba l’oro del Tempio. Si tratta di un altro quadro esoterico che annuncia il trafugamento del tesoro dei Templari, forse moneta, forse l’arca dell’alleanza, forse documenti compromettenti.

Su Bonifax c’è da dire poco. Fu umiliato da Nogaret ma non difese a spada tratta i templari.
Ricaddero ingiustamente su di lui le vere accuse di stregoneria fatte ai templari, adoratori dei gatti neri( come dice il verbale dell’Inquisizione) come i Catari ( da cat….gatto).

Anonimo ha detto...

Perché Dante si scagliò contro Bonifacio?
Perché questa acrimonia?

Saluzz19A2

Anonimo ha detto...

Ciao amici autori del blog,

sono Rita e vi scrivo da Bologna.

Avrei bisogno di una vostra consulenza per un lavoro, una tesina che sto facendo. Faccio il Liceo Classico e mi piacerebbe che mi inviaste del materiale storiografico . Vi posso contattare all’e-mail del libro? L’ho letto e ho basato molti miei argomenti su quello che avete esposto. So che sono in tanti a chiedervi un aiuto ma ne avrei bisogno urgentemente.

Anonimo ha detto...

Buongiorno dott. Allegri,

il caso che lei espone è interessante e potrebbe far più luce sugli oscuri rapporti tra i Papi e i templari. E’ un po’ come sapere qual è il rapporto tra i pontefici e l’Opus Dei.
Solo i Papi possono dirlo.
Mi piacerebbe visitare l’Archivio Vaticano per trovare se c’è qualcosa su questo argomento.
Ho letto la Frale che non ha scritto niente di nuovo sull’argomento e ho letto di come certi “pallonai” neotemplari gli abbiano storpiato volutamente il pensiero. Pensi che alcuni la chiamano a convegni ma lei rifiuta.
La vostra ricerca l’ho trovata più seria e piena di novità socilogiche e visti i risultati di audience, si può dire che avete tracciato la strada.
Sono felice che la distribuzione si ingrandisca anche nelle edicole.

Un saluto fraterno da un amico del vostro blog e del vostro pregiatissimo libro

Agostino

Anonimo ha detto...

Ben trovati scrittori, ben trovati amici bloggers, ben trovati curiosi, come dice Allegri!

Sono Filippo e tocca a me aprire le danze.
Bene!

Ho visitato san sulpicio e ho potuto notare che c’è un altro quadro interessante, quello di Heliodoro che ruba l’oro del Tempio. Si tratta di un altro quadro esoterico che annuncia il trafugamento del tesoro dei Templari, forse moneta, forse l’arca dell’alleanza, forse documenti compromettenti.

Su Bonifax c’è da dire poco. Fu umiliato da Nogaret ma non difese a spada tratta i templari.
Ricaddero ingiustamente su di lui le vere accuse di stregoneria fatte ai templari, adoratori dei gatti neri( come dice il verbale dell’Inquisizione) come i Catari ( da cat….gatto).

Anonimo ha detto...

Vai…quando si ritorna a parlare dei neotemplari che inventano la storia e si insidiano nella chiesa?

Ci vorrebbe un bel papa Caetani così’ vedrebbero certi mistificatori e buzzurri da quattro soldi!

Bravi autori, bravi amici, andate avanti e non fermatevi amai a conclamare la Verità, quella di San Giovanni. Sarò sempre con voi

Christian19

Anonimo ha detto...

Mi sembra che il vostro post abbia omesso di dire che dopo la lotta per le investiture e dopo le crociate sono scoppiate le contraddizioni che avevo resi alleati principi laici e principi della Chiesa. Il caso di Bonifacio VIII fu l’esempio più lampante. In questo senso i templari non ebbero più protezioni perché le crociate erano finite e si chiedeva loro di fare una scelta. O monaci o nobili.
Scelsero di essere eretici!

Anonimo ha detto...

Salve Allegri & Sarpato,

che cosa tremenda ho letto sul vostro post quando dite che Nogaret riesumò il corpo del povero Papa per imbastirgli un processo. Il Nogaret era feroce e senza cuore anche se ho letto che era un gran esperto di stregoneria. Nel libro degli scrittori Knight e Lomas si dice che Nogaret aveva le prove che Bonifacio era bisessuale e che partecipava a certi festini demoniaci.
E’ un racconto che fa inorridire, bisogna vedere se ci sono prove o no.
Comunque apprezzo il vostro apprezzamento per il Papa.

Katia B. Di Pesaro

Anonimo ha detto...

Perché inglesi e francesi erano in lotta tra loro?
Perché Bonifacio 8 si intromise?

Danzes

Anonimo ha detto...

Sono il massone Tubal Cain e ho letto l’ultimo messaggio postato in San Sulpicio .
Mi spiace dirlo ma ho trovato ancora una volta un’inutilità dare un peso del genere ad un fantomatico libero muratore.
Questo signore non cerca di trovare la verità, non persegue la ricerca della pietra filosofale come facciamo noi ma solo la vanagloria di avere qualche minuto di celebrità spendendo ignobilmente la sua appartenenza alla massoneria regolare. Io sono Maestro Venerabile e non esiterei, qualora venisse fuori il suo nome e qualora, nella malaugurata ipotesi, fosse un massone in sonno, di chiedere alla Corte Centrale e al Gran Maestro la sua immediata espulsione come persona indegna che ha messo in pericolo il buon nome dell’Obbedienza.
Trovo che gli attacchi anti cattolici siano costruiti ad arte per gettare discredito su tutti i fratelli, di qualsiasi obbedienza essi siano.
Ancora una volta vi invito a non fare di un erba un fascio come ricorda il saggio Allegri al quale vanno sempre i miei complimenti di essere rimasto con la schiena diritta.
Spero che questo anonimo signore, di una certa età la finisca di farsi ridicolizzare da tutti.
Se vogliamo andare al cabaret, compriamo il biglietto, o no?
Capisco l’invidia, capisco i rimorsi di una vita che non da soddisfazioni ma dico e gli dico di preoccuparsi più dei poveri e dei più bisognosi anche perché, presto, si troverà davanti al GADU e dovrà dare spiegazioni. In quell’occasione dovrà mostrargli i guanti bianchi che ci danno nell’atto dell’iniziazione come simbolo di purezza che ogni massone deve conservare per tutta la vita, anche quando si è in sonno, poiché massoni si rimane sempre…sempre. I guanti dovranno essere lindi.
Ravvediti, ancora una volta e cerca veramente la libertà e non la schiavitù dell’odio.
Se sei depresso, non cercare l’astio ma dicci liberamente i tuoi stati d’animo. Qui troverai persone amiche, cordiali che potranno sostenerti. Ricorda il testamento sui nostri doveri e ciò che il fratello Pascoli scrisse nel gabinetto di riflessione: Amore, Amore, Amore.

Irene sarpato ha detto...

Cara Rita da Bologna,
puoi senz'altro scriverci alla mail del libro e vedremo di venirti in aiuto in breve tempo.

Cara Valentina, ti cerco subito qualcosa su Dante e i Fedeli d'Amore ma non ti garantisco di trovare riferimenti specifici. Gli indizi di questa appartenenza si trovano in varie opere di Dante e nella Commedia in special modo ma, secondo me, uno studio approfondito manca ancora.
Con Guglielma invece hai toccato una corda sensibile... la conosco molto bene e sarò lieta di darti delle indicazioni al più presto.

Grazie a tutti voi che ci seguite!

Irene Sarpato

Anonimo ha detto...

Bella bloggers!

Sono Triskel.
Devo dire che la storia di Bonifacio mi ha colpito: non pensavo che un Papa potesse essere oltraggiato in questo modo da un suo 'inferiore'!
Ceto che anche i re di Francia si prendevano delle belle libertà verso i papi! Non capisco perchè sempre i francesi... non ho mai sentito di un re...che so... spagnolo o austriaco che va dal papa e gli dice: 'adesso fai così e così sennò te la vedi con me!'
Magari c'è un motivo per questo atteggiamento. Già gli autori dicono che re Luigi era diventato santo, magari c'è qualcosa di più antico in ballo. Mi piacerebbe saperne di +!

Buon fine settimana a tutti!

Triskel

Anonimo ha detto...

Buon giorno a tutti sono Sarah!

Voglio salutare i miei amici Triskel e Jeanne e tutti i bloggers e i nostri autori: Sono contenta che Cercator vi abbia finalmente fatto la sua dichiarazione d'amore!
Si sa, i sentimenti possono essere controversi... ma l'importante è che l'Amore trionfi sempre!

Sara
Love

Irene Sarpato ha detto...

Cara Valentina,

ti scrivo qualche notizia sul movimento dei Fedeli d'Amore e su Dante.
Lo definisco un movimento perchè non penso che si possa definire una chiesa nè un'eresia. Lo sfondo dottrinale è infatti cattolico, in linea con il misticismo crisitiano medievale, ricco di simboli e di richiami al mondo spirituale.
Ciò che contraddistingue i Fedeli d'Amore è senza dubbio la ricerca di una guida personale, identificata con una figura femminile detta Donna (o Dama) Unica, Madonna Intelligenza o Sapienza Santa, che compare sia nelle poesie dei trovatori europei che in quelle dei rapsodi arabi medievali. E compare anche nelle opere di Dante e Petrarca. Queste donne potevano essere persone realmente esistenti che andavano a svolgere per l'uomo il ruolo che l'ANIMA, secondo un'antichissima tradizione, ha per il soggetto conoscente. L'Anima/Donna è il mezzo attraverso cui è possibile la conoscenza del mondo celeste. Questo ruolo è svolto dall'anima perchè questa, prima di incarnarsi, ha visto Dio (le idee, secondo il platonismo) e conserva un ricordo di questa visione tale da poter condurre l'uomo a questa conoscenza; tale da far 'rispuntare le ali' all'uomo.
Quello dei Fedeli d'Amore e dei trovatori è un linguaggio segreto (parlar cruz-troubar clous), usato perchè la gente grosa non acceda al significato ultimo dei loro versi. Da qui l'uso della poesia, che con le sue figure retoriche garantisce un simbolismo affascinante e difficile da interpretare al tempo stesso.
Trovatori e Fedeli d'Amore (nonchè i catari) furono i primi ad usare la coppia simbolica amore-morte, che, in un gioco di parole provenzale, diventava a (=senza) mor (=morte), quindi eterno. Il Fedele d'Amore, il poeta, il cavaliere, desidera morire d'amore perchè l'umano e il divino si uniscano in un unico sublime ed eterno amore. A questo proposito ti consiglio la lettura di Tristano e Isotta: una storia che riassume mirabilmente tutto questo universo di spiritualità, simboli e concetti.
Per quanto riguarda Dante, la sua appartenenza ai Fedeli d'Amore mi pare assai probabile, sebbene non possa essere accertata attraverso specifiche 'prove' storiche o documentali, anche perchè non credo proprio che i Fedeli d'Amore tenessero una 'lista degli iscritti'. La sua Beatrice, elevata a figura santa e accostata alla Vergine Maria, può essere per noi quella Madonna Intelligenza che guida l'uomo nel suo percorso di risalita alla patria celeste.

Irene Sarpato

Anonimo ha detto...

Bella raga'

guardatevi tutti il blog di CercatorPerpetuo.

http://inuovitemplariviva.blogspot.com....okkio che c'è in giro un simulatore neotemplare che utilizza il suo nick

Anonimo ha detto...

Belli amis,

sta cosa di cercatornontrovanulla m’intrippa e parecchio. Perché prima sputtana la massoneria, poi, come un piagnucoloso ritratta. Aveva un bel blog, discutere con gente giovane e invece che fa…il matusa acrimonioso e depresso.

Dovrebbe rimboccarsi le maniche Cercatordimantelli e aiutare più il prossimo, senza urlare e dire parolacce .

Meno arrogance cercatori di mantelline, meno ignorance cercatori di frustazioni , studiate ed andate a scuola di galateo e poi, se avete il time, in Africa ad aiutare chi ha bisogno, così evitate di fare figure da gioppini. Io non credo ai ripensamenti, questo se ne sta sul sofà di casa con in mano il regolo e i fili a piombo credendo di vedere gli UFO…. Codesto atteggiamento è poco serio, è da bambino di terza elementare. E poi..perché non si firma…così fa la C di Corro con la spada che fiammeggia della loggia cavernosa…ma si compri un ciuccio . Vadi a cazzeggiare con il suo asmodeo di Rennes tanto venite ed andate nello stesso posto.

Un grazie agli autori per la loro istruttiva attività e un grazie per la loro battaglia per separare ciò che è vero da ciò che è grullo. Non siamo mica dei bucaioli, noi…non siamo mica dei rompi,noi…siamo gente semplice ma educata. E Tubal Cain ci risparmi le solite pappine al miele da stramazzato sciupalacrime col grembiule di pelle d’asino lavato con perlana….passaparola
Grazie

Passoni

Anonimo ha detto...

Salute amici,

siete sempre così tanti che leggervi tutti ci metto sempre un po’.

Questo post getta luce sull’intricata vicenda ed annosa questione: il papa/i templari. Un rapporto di amore e odio di un centinaio d’anni e che continua ancora oggi.
Una news per tutti gli amici: un mio amico dell’Osmth mi ha detto che Venceslai è andato da monsignor Parmeggiani cercando di frenare gli input negativi che venivano da molte parti del mondo cattolico. Il mio amico era completamente giù. In sostanza questo vescovo che è un autorevole portavoce di Ratzinger, seppur cordialmente, gli ha dato due “pizze”al Venceslai, gli ha ribadito viso a viso che la posizione del Vicariato non cambia e se ne frega dell’ONU, di Rea, Carey e compagnia bella. Qua non contano nulla, specialmente per il Vaticano, la CEI e il Papa…..e questo sia di monito per tutti gli sfilanti con il mantello siano essi osmth, osmtj, smotj, smtho…..va, va…che di sòle abbiamo già quelle sotto le scarpe!
Pensate che avevano mandato un messaggio a nome di Carey al camerlengo Martinez Somalo dell’Opus quando era morto Woytila. Pensate, messaggio firmato da Venceslai a nome di Carey. …manco gli anno risposto.
Qualcuno ha proposto in altro ambito un templarday. Dio ce ne scampi! Sarebbe una sfilata degna di Ferrè e Valentino.

Luca al bar

Anonimo ha detto...

avete messo tanto carne al fuoco. Intanto mi piacerebbe sapere in cosa consista la retromarcia di CercatorPerpetuo. Chi ha usato il suo nick e perché ha creato confusione.
C’è sempre qualcuno votato alla malvagità che non lascia in pace il prossimo.
Non c’è alcun barlume non solo di cristianità ma neanche di buon senso ma si vede che qualcuno si diverte a seminare zizzania con lo scopo di dar fastidio al lavoro degli autori.
Non posso che ribadire quanto ha detto sempre Allegri. La verità fa male e le argomentazioni del blogger hanno colto nel segno. La vera verità è che non si vuol dire che solo gli eruditi, solo coloro che marciano indefessi e che sono tutti di un pezzo, possono essere oggetti di bersaglio da chi, come si diceva in un altro post, vive nelle fogne, vive ne buio delle tenebre.
Prendete il caso che i nostri due amici scrittori ci portano. Bonifacio fu integerrimo ed intransigente su alcuni valori, su alcuni punti, discutibili ma giusti in quel contesto. Allora cosa succede, nasce l’invidia, l’arroganza, la voglia di calpestare, Ci sono molti Filippo, tanti che vorrebbero dar spallate al prossimo senza essere rispettosi delle scelte libere altrui. Sono d’accordo in parte con Tubal Cain. Se c’è qualche svantaggiato che ha bisogno di aiuto, ebbene lo dica, non crei tutto il can can solo per farsi notare e poi per farsi compatire.
Spero che voi tutti siate d’accordo con me ed invito gli autori ad isolare gli interventi fuori le righe di persone che si nascondono dietro a varie identità ma che portano lo stesso marchio.
Isolate persone come Cercator, non vale la pena a seguire il suo tortuoso ragionamento.

Un umile viaggiatore e sognatore

Anonimo ha detto...

Vi pongo alcune questioni.

Per qual motivo i Papi hanno sempre pensato che i templari facevano cose non cristiane. Riti blasfemi, banchieri, rapporti ambigui con i miscredenti.
Perché se avevano tutte quelle prove se li sono tenuti?
Hanno pensato di sfruttarli in campo militare ed economiche aspettando il momento che passasse il loro momento di gloria?

Che mi dite di tutto questo.
Sul dossier: i nuovi templari ho trovato moltissime risposte di buon senso ma vorrei che procedeste ad analizzare queste mie con la stessa capacità che avete sempre avuto nella stesura della vostra egregia Opera. Ho regalato due copie ai miei genitori e altre due ai miei zii. Tutti sono rimasti entusiasti anche perché ho detto che sono attaccati e di brutto e, quindi, stanno dalla parte del vero.

Carletto ( RA)

Anonimo ha detto...

Ho visto il blog, bella raga’,

mannaia! Avete visto come CercatorPerpetuo strapompa gli autori. Li ha celebrati come dei Napoleone! Bravi Allegri + Sarpato = Forza + Bellezza
Adesso bisogna fare la caccia al tesoro e trovare chi usurpava il nick del povero editore, facendo cadere gli autori in trappola.
Siete d’accordo che è sempre il solito? Io Yes!
Questo spazio è meglio di un war game. Che patucco!

Anonimo ha detto...

non avevo bisogno di certe sollecitazioni per capire che CercatorPerpetuo era stato ingannato da qualche neotemplare.
Infatti aveva esordito facendo degli splendidi complimenti ai padroni di casa ed adesso ha sentito il bisogno di aprire un blog per denunciare questa falsa speculazione.
Amici miei, se volete non accadano queste cose, mettete il vostro nome e cognome vero.
Cercator non si è mai rivelato come si chiama, ora dice di essere un piccolo editore e di aver scritto agli autori, penso l’altro ieri. I nostri amici ci hanno sempre messo la faccia ed il nome ed è per quello che sono dei veri gladiatori. Non mi piacciono tutte queste sigle dietro cui si nasconde di tutto. Ci dica chi è CercatorPerpetuo… e se sia veramente massone. Tubal Cain smentisce il fatto.
Quid prodest?

A Bonifacio vanno tutte le mie preghiere.

Giovanni Perlomio

Anonimo ha detto...

Parafrasando magnus Antonin.

MENO ARROGANCE NEOTEMPLARI+ MENO IGNORANCE MASSONI+ MENO CERCATORIDISSOCIATIEDISTURBATI= BLOGGER SIMPATICI….ECCO L’ALCHIMIA IN PRATICA E NON A PAROLE PSEUDOROSACROCIANE

W Cristo, w la verità, w i templari e perché no…w anche Bonifacio

Stellixdavid19°°°…guidate bene e non bevete raga’

Anonimo ha detto...

Ciao sono Remix da Paleremo,

ho guardato per caso il blog e mi sono compiaciuto di vedere tante bella gente intervenire. Sono un giovane e sto cominciando a studiare il movimento cavalleresco dei templari. Il vostro è il primo testo. Lo trovo un po’ difficile sulla parte storica e meno su quella giornalistica del presunto Sinclair.
Volevo chiedervi se templarcenter è anche un’accademia templare a cui ci si può iscrivere.
Ho visto i siti neotemplari e tutti hanno questa a accademia. Sono interessata alla vostra degli autori perché ho paura di cadere nelle maglie delle sette. Il nostro vescovo dice sempre di stare attenti e di fidarsi solo di bravi educatori. Io ho letto ed ho trovato questo spazio libero e completo e vi faccio i miei auguri di un miglior successo anche nelle edicole.
Per l’argomento di oggi io dico solo da profano e non esperto come voi che il “mestiere” del Papa è alquanto difficile. E’ difficile custodire la tradizione autentica specialmente adesso che ci sono le sette pseudo cristiane della new age e ci sono libri che inventano di tutto, come Brown, per esempio.
Vi mando a tutti un saluto e se venite dalla mie parti fatemi un fischio, sono Salvatore Rosario Cutrò di via Einaudi.

Anonimo ha detto...

Ma buon giorno bloggers!

Sono magnus Antonin... ke bello questo nome, mi sa che me lo tengo, con rispetto per gli autori ovviamente, perchè sono loro i primi ad essere veramente MAGNI!!!
W GLI AUTOR! W IL NOSTRO BLOG!
Oggi è una bella giornata e io soffro d'allergia... per cui sto lontano dai pollini e mi connetto al mio blog preferito e cosa vedo?
La verità su Cercator Perpetuo!
E' pazzesco che qualcuno abbia usato il suo nick per fare tutto questo kaos inutile perchè tanto nessuno ci può togliere questo spazio che ci diverte, ci informa ci insegna un sacco di cose senza le quali ci sarebbe molta + arrogance e ignorance!
Quindi dico ancora W IL BLOG!

Un abbraccio a tutti, anche a Cercator,
Antonin
+BLOG -ARROGANCE

Anonimo ha detto...

Mi ha incuriosito l’articolo apparso sul Corriere della Sera di Domenica sulla Gran Loggia di Rimini del Grande Oriente. Ha partecipato un politico della Lega per l’autonomia-Alleanza lombarda ( ma i massoni non decantavano l’Unità d’Italia?), on. sotteosegretario De Paoli ( che ci stanno ultra tassando a tutti!!), mentre la giornalista Francesca Basso ha scritto che Raffi è per una massoneria popolare…popolare? Tipo operaio, imbianchino e vero muratore che si alza le sei? Ma i massoni, in generale, non si vantavano di essere degli speculativi che mangiano tutto il giorno con gemelli d’oro ai polsoni e l’immancabile sigaro da bussinessmen, alzandosi alle 10.00?
A voi blogger il commento per il meeting dell’Ordine massonico più popolare e non riconosciuto dalla Gran Loggia Unita d’Inghilterra ( l’unica Obbedienza riconosciuta è la Gran Loggia Regolare d’Italia di Fabio Venzi). Mi spiace, cari autori ma questa è una verità e quindi, come esperti del campo, dovete dirlo. Alla faccia del finto o vero CercatorPerpetuo che disprezzava il popolo…

Bambù

Anonimo ha detto...

BUON COMPLEANNO A PAPA BENEDETTO XVI PER I SUOI OTTANT'ANNI!! W IL PAPA

W IL DOSSIER, W ALLEGRI E SARPATO, W I BLOGGERS E LA VERITA'


ORSOLA

Anonimo ha detto...

Ci si mette di buona lena ad intervenire numerosi?
E’ segno di manifesto e rinnovato interesse per gli argomenti dei nuovi templari.
Sono Giacomo, anzi Giacomino, perché non godo di un gran altezza ma come dicono i miei amici nella botta piccola c’è del buon vino. Speriamo.
Mi piace questo blog perché non ci sono discriminazioni, perché è libero, perché ci sono commenti che fanno riflettere. C’è una sorta di maieutica socratica. Gli autori sono come delle levatrici e il resto vien da sé.
Mi sto documentando su Bonifacio e su Guglielma ma sono molto preparato sui templari e le loro innumerevoli eresie.
Adesso vi saluto e ci sentiamo presto!

Anonimo ha detto...

Buongiorno amici,
uh che magma di idee….

L’annosa questione tra il papato e il regno rimanda alla teoria dei due Soli di Dante, fedele d’amore ed esoterista sufico.
In Bonifacio si riconosce la millenaria tradizione egizia dei faraoni di assumere su di sé il potere temporale e quello spirituale. E’il tentativo di farne uno da due.
Nei templari vedo, invece, un progetto di altro tipo, una volontà sinarchica, come è stato riportato nel Dossier. La stessa volontà tanto declamata dal dott. Venceslai come aspirazione al comando e come riportato dal libro degli autori e dai documenti del Gran Priorato.
La mia domanda è questa: perché solo in Occidente è storicamente prevalsa questa divisione, questa dicotomia?

Melito Sacchi da San Marino

Anonimo ha detto...

Sono un massone e neotemplare!

Spero che non vi dispiaccia. Anch’io ho letto il dossier e me ne sono fatto un’idea positiva anche se la roboante introduzione del caso Sinclair ha allontanato lo spirito storico dall’Opera.
Per quanto mi riguarda né Bonifacio, né Clemente alzarono un dito nei confronti del nostro Ordine sia perché erano avidi delle ricchezze sia perché l’idea di un’unica divinità e di una religione trasnazionale precorreva i tempi. E’ come se avessero inventato l’ONU nel 1200.
I templari, come sempre erano avanti rispetto a tutti e a tutto. Praticavano l’alchimia e studiavano le curvature. La posizione che a loro interessava era il punto geodetico, quello che si studia in camera di maestro muratore. Quindi i Papi che erano contro gli studi scientifici non potevano essere d’aiuto al glorioso Tempio. Altro che eresie! Anticipavano la moderna scienza e tecnologia.
Ringrazio gli splendidi autori di averci fornito questo strumento di approfondimento.
NNDNN…
Parzival che cerca il graal

Anonimo ha detto...

Macchè accuse inventate, la stregoneria era usata da tutti in quel tempo..dai templari sicuramente. Ce lo dice la stessa inquisizione francese e ce lo dice un trattato di un papa ( Gregorio IX-1253) sull’eresia luciferina che circolava nella zona dell’Aude là dove si accampavano i cavalieri. Nogaret faceva quello che facevano tutti gli inquisitori.

Ciarra

Anonimo ha detto...

Salute a voi, scrittori e amici,

ho dato un’occhiata al blog di CercatorPerpetuo, http://inuovitemplariviva.blogspot.com che conferma piena fiducia agli autori, smascherando chi era venuto qua con il solo scopo di fare casino e portare confusione. Si punta il dito sui neotemplari che non avrebbero gradito manifestazioni civili di disapprovazione della loro condotta e soprattutto per le continue balle, tipo sospensione dell’Ordine.
E’ un qualcosa di veramente riprovevole se così fosse.
Il povero e vero Cercator aveva anche fatto i complimenti ai colori della copertina, in quanto editore.
Stringiamoci ancora un volta, serriamo le file, affinché trionfi la verità, la democrazia e la giustizia.
Saremo ancora più attivi e vigili nel difendere l’operato dei nostri due giovani autori, amanti della verità. Non m’importa di essere agnello tra i lupi purchè la verità trionfi contro il male della calunnia e della disinformazione creata ad hoc.

Silvano

Anonimo ha detto...

Povero Bonifacio VIII,

si trovò solo a difendere il diritto di una Chiesa di richiamare i potenti ai valori del rispetto della cristianità e dell’umanesimo. Generalmente si dice che tra i due litiganti il terzo gode, in questo caso ci ha lasciato le penne. Quello sganassone fu un’offesa a tutti i cristiani dell’epoca. Io paragono questo schiaffone a quello dato ai due autori dal finto cercator solo con lo scopo di denigrare la loro volontà di far luce su molti avvenimenti oscuri che riguardano il mondo neotemplare.
E’ una vera vergogna che si agisca in questa direzione, dimenticando che gli autori ci hanno dimostrato pacatezza e risolutezza nel difendere una verità oggettiva che è scomodo a molti.

Allora io dico W Bonifacio, W Allegri e Sarpato.

LUCIUS

Anonimo ha detto...

Bellissimi,
ciao da Katilove21)0(,

W la verità del blog, w le belle persone oneste…w Michele ed Irene…bacioni

Anonimo ha detto...

SONO STUPEFATTO PER TANTO ARDIMENTO DI UN COPYCAT DI PROVINCIA MA SI SA SE SI DEVE GUARDARE AL RESPONSABILE…..ALLORA….IL PESCE PUZZA DALLA TESTA.

IL POST SU BONIFACIO ESPRIME UN DUPLICE SENTIMENTO:
1. RIBREZZO PERCHE’ SI VUOL FAR TRIONFARE IL POTERE TEMPORALE DEI PAPI
2. AMMIRAZIONE PERCHE’ IL POTERE NELLE MANI DI PAPA BONIFACIO SAREBBE STATO UMANIZZATO

ASTROTEMPLAR

Anonimo ha detto...

Buongiorno stimati autori, buongiorno fecondi amici
sono CercatorPerpetuo. Mi chiamo Stefano e ho voluto con il mio blog, aperto Venerdì scorso, dare seguito a quanto ho scritto agli autori qualche tempo prima.
Vi voglio dare, però, un messaggio. Non è mio, è antichissimo, è stato ed è sulla bocca dei migliori uomini della Terra: perdonate a chi vi ha fatto del male. Cercate di comprendere. Solo una persona che ha problemi può fare tanto. In fondo è stato un innocuo tentativo di far deviare i posati interventi dei blogger. Anche a me, come a voi spiace che gli autori siano stati portati a considerare che io, che gli avevo scritto, che li avevo invitati a pubblicare con la mia piccola casa editrice, potevo usare una bassezza simile.
Sì, è vero, anch’io sono stato uno stupido per non aver detto subito come stavano i fatti ma ho pensato che il mio doppiatore aveva già creato un danno e non sapevo come rimediare. Anch’io sono vittima e non carnefice.
Come massone, però, sono oggi qui con voi a dirvi che stimo gli autori, ho letto ed ho fatto leggere il dossier, ascolto e prendo nota dei vostri intelligenti interventi che si ispirano a moderazione in cerca di verità. Non è un caso che io abbia usato questo nick, infatti Allegri e Sarpato concludono la loro ricerca con le magiche parole di Schurè e con l’invito a provare di cercare la verità.
Un grazie a tutti e scusate se qualcuno ha preso l’occasione per farvi un po’ arrabbiare. Perdonate e sarete perdonati.
L’umile ed originale Stefano… CercatorPerpetuo

Anonimo ha detto...

Ciao siamo Niky e Andrea.

Un saluto da Berna in particolare a Michele Allegri.

Vai avanti con la tua battaglia pacifica per la Verità.
Ti salutano Patty, Rosalba, Claudio e Giovanni Pistillo

Ave a tutti i blogger e alla grande Irene

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,

ho passato la domenica felicemente e riprendendo in mano alcuni libri di scuola ormai impolverati.
Sono un massone e ne vado fiero e mi congratulo sia con gli autori del Dossier sui neotemplari per il lavoro meticoloso e preciso che è di una purezza cristallina sia con tutti gli intervenuti. Se mi si permette una piccola deviazione: un massone non giudica, non pesa, non misura come ha scritto il profano CercatorPerpetuo . Il vero massone dell’Ordine e del Rito si limita ad intervenire con la stessa semplicità e con lo stesso spirito di armonia che ha quando si trova a svolgere i lavori di loggia con i fratelli o nelle agapi ( amore) aperte a famigliari ed amici.
Vengo al dunque per non essere prolisso (che è uno di quei difetti che noi massoni abbiamo e che molti ci rimproverano).
Nella visione laica e liberale nella quale io vivo da più di 60 anni i pontefici rappresentano più un potere temporale che spirituale. O meglio, i liberali affermano che la chiesa, quella cattolica di Roma, si è allontanata dallo spirito originale del cristianesimo e dalle parole di Gesù ( il quale non ha voluto fondare una religione…).
Senza essere tacciato di blasfemia posso affermare senza paura di smentite che il cristianesimo fu anche, ma non solo, crociate, roghi, inquisizioni, cancellazione di ogni scoperta scientifica.
Dice lo storico prof. Aldo A. Mola “ A tal profluvie di feroci assalti. Bene o mal meritati che fossero, come attendersi che la Chiesa di Roma, la Chiesa di Bonifacio VIII, orgogliosa di aver resistito a secoli di eresie ( templari, catari.per esempio N.d.R) e di scismi, e messo in riga re ed imperatori, rispondesse porgendo un’immaginaria altra guancia?
Come me, anche il prof. Mola ritiene che la chiesa, specialmente quella di Bonifacio VIII fu tutta protesa a difendere l’intransigente dottrina ma soprattutto il potere che,come ci dice la concezione laica di Machiavelli, non dovrebbe associarsi alla religione. Si formerebbe una miscela esplosiva ( ricordate le parole di Gesù: date a Cesare quello che è di Cesare e Dio quello che è di Dio)
Se andremo avanti di questo passo finiremo con l’ esaltare un passato della Chiesa cha assomiglia ad alcuni regimi mediorientali.
Tutto ciò non mi piace. E’giusto, invece, che ci sia l’eresia perché essa rappresenta lo spirito della democrazia. Eresia è minoranza e quindi civiltà e dissenso. Ricordate il finto cercatorPerpetuo come era totalizzante? Ebbene quello è il segno dell’intolleranza!
Scusatemi eccellenti autori ed amici numerosi se mi sono dilungato oltre ma credo che su questo ci debba essere una presa di posizione.

Ettore, un figlio della luce

Anonimo ha detto...

Caro CercatorPerpetuo,

sono Sarah. Io sono psicologa e vorrei dirti che posso capire il tuo disagio. Se hai bisogno di parlare con qualcuno (senza impegno) mi puoi contattare.
A volte internet diventa un mezzo per scaricare le proprie frustrazioni e angustie... non bisogna mai avere paura di dire agli altri come ci si sente perchè condividere i proprio problemi aiuta a risolverli!

Un caro saluto,
Sarah

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti bloggers,

vi seguo da un po' ma è la prima volta che intervengo. Siccome sono studente universitario di storia volevo rispondere a Triskel, per quello che posso perchè la sua è una domanda 'tosta'.
Volevo segnalarti Triskel che le scaramucce del regno di Francia con la Chiesa sono disseminate un po' per tutta la storia.
Nel 1438 Carlo VII di Francia emanò la Prammatica Sanzione di Bourges, un decreto che tentava di rendere la Chiesa nazionale francese indipendente dalla Sede apostolica di Roma legandola invece alla monarchia francese.
Questa storia della chiesa gallicana si ripropone per tutta la storia moderna e viene dai tempi di Clodoveo.

Un salutone a tutti!

Maurino

Anonimo ha detto...

Buon pomeriggio,

voglio mettermi nei panni del saputello, una figura che il CercatorPerpetuo, non so quale dei due, se quello vero o quello falso affibbiava a noi bloggers e ai due scrittori e gentili ospiti di casa, Allegri & Sarpato, dalle pagine di un web di proprietà di tale Ashmadaeva.
Ho recuperato un libro……
Sta scritto a pagina 229 e in maniera ben evidenziata “ L’Ordine del Tempio è stato abolito, soppresso per provvisione apostolica….”
Dopo una manciate di righe, lo scrittore e saggista, tratteggia la figura di Filippo il bello, re di Francia ed oggetto, oltre a Bonifacio VIII, di questo post sul quale mi sono accinto a scrivere. Lo scrittore scrive:“ Questa incapacità di transigere, in fondo, è ciò che lo fa grande….”
In poche parole lo scrittore e saggista ammira l’ intransigenza di Filippo nei confronti di due Papi che gli si oppongono ( Bonifacio VIII e Benedetto XI). Usa frasi da vero innamorato, mentre è sicuramente in procinto di gustare qualche piatto fumante che si trova solo nelle cucine dei re.
Scorgo la bibliografia e trovo alcuni libri di sicuro interesse storico e storiografico. Libri da vera Accademia Templare! Libri da veri templari cattolici apostolici e romani!
Ecco alcuni titoli che farebbero piacere all’Indice: Il Sacro Graal , AGDGADU, il libro nero della Massoneria, Storia della filosofia dell’occulto, re artù e i cavalieri della tavola rotonda, Gesù o la morte segreta dei templari, Storia della massoneria, I rosacroce, l’enigma dei rosacroce, la sindone e i templari, Alla ricerca del sepolcro, dello gnosticismo e del templarismo, il segreto dei templari,La gnosi. Il volto oscuro della storia, il mattino dei maghi, gli assassini, la setta segreta dei sacri killers dell’Islam (?…), l’eresia medievale, medioevo ereticale, dei templari e della loro abolizione, il mistero del Graal, bafometto e il mandylion, la storia segreta dei discendenti del Graal, storia dell’inquisizione, la donna e le donne di San Bernardo, e decine e decine di altri svariati testi.
Lo scrittore ha sempre stigmatizzato certa letteratura, definendola frutto di fantasie che hanno come scopo di dare una visione distorta dei templari, una visione per solleticare le menti dei “gonzi”, come dice CarcatorPerpetuo che vive nelle fogne… ma si è dimenticato di dirci che il suo libro ha attinto a piene mani da questa letteratura…..
E pensare che lo scrittore in questione diceva che l’Ordine era stato sospeso, che c’erano trattative con la Santa Sede, che non c’erano massoni tra le loro file ecc….
Ah, scusate, ho dimenticato di dirvi chi è lo scrittore…, ebbene potete arrivarci da soli, è quello che, con mantellina con la scapolare crociata neotemplare, è stato rimandato a casa da un monsignore della Curia romana… senza benedizione ma con un buono pasto per la mensa dei poveri.
Comprate il suo libro e leggete…leggete….così potrà mangiare squisite prelibatezze da vero piccolo monarca assoluto.

Nano-nano…mangia piano…nano nano…mangia sano

Meno Ignorance e meno arrogance = Plus verità

Anonimo ha detto...

Uhahu, quanti siamo..mi spatacco la faccia!

Un mucchio di baci a tutte le ragazze del blog!

Mi pare che lo slogan sia adesso Viva Il Dossier e Viva Cercatorechehatrovatolastradadicasa…quanto ci hai messo, però…

Guidino18RezzoEmilia

Anonimo ha detto...

Sono un rosacrociano e vi saluto perché siamo in un blog di vivaci discussioni.
La magia non deve essere ritenuta nel suo significato negativo. Bisogna leggersi quello che scrive il sacerdote di Nola bruciato al rogo dall’Inquisizione veneziana, Giordano Bruno, per comprendere che esiste una magia naturale in tutto il cosmo, in tutto il creato, in tutto l’Universo.
L’accezione di magia al negativo deriva da alcune assurde posizioni di chi voleva combattere la cialtroneria e che ha volutamente confuso i due termini. E’ lo stesso errore che avete fatto voi tutti quando avete confuso il vero CercatorPerpetuo, lo gnostico editore, con il falso, l’attaccabrighe.
La magia o alchimia fu praticata dagli egizi, dai sumeri e persino da cristiani come Simon Mago o dagli stessi re maghi o magi che vennero a riconoscere il re dei re.
Può darsi che di alchimia trattassero anche dei Papi, forse anche Bonifacio, non me ne scandalizzerei. Sicuramente è la base della dottrina dei templari e le loro cattedrali trasmettono il messaggio della trasmutazione, cambiare qualcosa in altra cosa.
I colori del Tempio, bianco, rosso e nero sono un processo alchemico che coinvolge la materia prima, come la chiama Platone e via di seguito.
Ringrazio i dottori Allegri e Sarpato per darci la possibilità di discutere e per averci stimolato a ricercare maggiormente la verità.
Voi sareste state degno di entrare a far parte della Royal Society…con Bacone, Newton, Fludd..

Ermete Luca from Alassio.

Anonimo ha detto...

Mi ricordo che una decina di anni fa hanno fatto una rappresentazione teatrale ad Anagni dell’evento storico dello schiaffo.
Bonifacio VIII era rappresentato dal senatore a vita Giulio Andreotti che è stato veramente bravo.

Un saluto a tutti da moderatorMan

Anonimo ha detto...

Ciao sono Bimba19,

c’è qualcuno che ha dispense su Bonifavio VIII e i templari e sul processo per eresia?

Bacini )0(

Anonimo ha detto...

Ma lo sapete che con ogni probabilità lo schiaffo dato da Nogaret a Caetani è un falso storico?

Invito i nostri grandi autori del Dossier a reperire informazioni più attendibili delle mie.

Marco Pio classe 1974

Anonimo ha detto...

Ciao raga’,

qui c’è la festa d’interventi e qui mi diverto.

Provate a fare un giro nei blog dei neotemplari o massoni non c’è anima viva. Manco loro intervengono. E’ un ambiente morto e sepolto di persone che si parlano addosso senza concludere niente… a parte qualche piccolo affaruccio.
Se gli chiedete chi è Bonifacio ti rispondono che è un ristorante di provincia.
Ho visitato il blog del massone cercatorPerpetuo: gli do sei e mezzo.
Non poteva svegliarsi prima ed evitare che quattro pellegrini falsi templari venissero a sbarlucciare il becco qua dentro, parlando male di noi tutti e di Nostro Signore Gesù.
Mi associo al evviva il dossier, evviva le donne….ed evviva l’amicizia sincera!

Pantofolinoruvido

Anonimo ha detto...

La Chiesa è la comunità naturale dei credenti. L’opera di Bonifacio fu protesa a difenderla.
Lo fecero anche altri Papi come Giulio II, per esempio.
La pretesa dei nobili di dettar legge in materia ecclesiastica, a dir al verità, c’è sempre stata. Con l’exequatur e il placet si voleva che i vescovi di un determinato Paese o Regno compiacessero ai re o ai principi di quello Stato.
Tutta la storia di Bonifacio è il segno di un rinnovato spirito di lotta la potere nobiliare laicale.
I templari tentarono la stessa sorte. Come diceva Berengario, non erano da tempo più né monaci né poveri. Erano diventati ricchi e fastidiosi per tutti, laici ed ecclesiastici.
Con le loro dottrine eretiche ma soprattutto pagane volevano il ritorno ad una tradizione primordiale magica e celtica ma questo non era possibile nel medioevo.

Grazie per l’ospitalità,

il vostro Raimondo Pastore

Anonimo ha detto...

Sono un massone del GOI.Mi piacciono le vostre ricerche e considero il vostro libro una piccola "Bibbia".
Non temo le critiche anche perchè so che Allegri e Sarpato dicono e scrivono cose vere.
Mi spiace per il fratello di Varese ma sono cose che capitano.
L'importante è che tutti sosteniamo il dossier e ne facciamo uno strumento per migliorarci.
Con un TFA

Alessandro

Anonimo ha detto...

Ciao sono Prospero,

ho trovato il vostro saggio in edicola alla stazione di Lambrate.

L’argomento che lanciate mi sembra di attualità e riveste l’aspetto politico di scontro tra Stato e Chiesa. Io sono uno di quelli che non accetta l’intromissione di alcuni vescovi nella vita politica. Sono cristiano, non cattolico ma vorrei una Chiesa cattolica lontana dal palazzo del potere. E’ giusto che si difendano certi valori ma non a scapito delle libertà individuali. Non mi piace tornare indietro e non mi piace rivedere persone che vestono i panni da crociati come i neotemplari dell’Osmth. Cosa vuole il signor Venceslai, uno scontro tra religioni e civiltà? Infatti lui dice che sebbene la nostra civiltà occidentale abbia difetti è pur sempre superiore alle altre. Non vorrei che questa superiorità si trasmutasse in atteggiamenti prevaricatori. Ci vuole una cultura del dialogo, del rispetto e ci vuole che lo Stato garantisca imparzialità di trattamento, non ci vogliono le crociate neotemplari che neanche la chiesa cattolica accetta. Ricordo che l’Osmth e il signor Venceslai sono stati sbeffeggiati anche dal prof. Cardini in merito a presunte false dottrine create a tavolino, come “il mito del mosaico indù-templare nella basilica di Otranto” oggetto di convegno a Perugia.

Auguro agli autori del libro che ho trovato equilibrato e ricco di spunti di superare tutti gli ostacoli che, ahimè, verranno da chi non vuole dialogare come , invece, fate voi. Questo spazio ne è una prova

Anonimo ha detto...

Salve amici e salve scrittori,

permettete anche a me una piccola digressione su CercatorPerpetuo.
Secondo me il primo ed il secondo sono la stessa persona.
Penso che spinto dall’ira nei confronti di chi gli sbatteva in faccia la verità, prima abbia alzato la voce, denigrando il prossimo, poi, accortosi che lo avevano identificato come un responsabile editoriale di Varese, si è strizzato un po’ sotto ed ha cambiato tattica.
Non fatevi incantare da chi mostra arroganza e poi chiede umilmente scusa pretendendo di dire che non era lui.
Oggi potremmo ragionare solo su questi dati.
CercatorPerpetuo è:

massone
neotemplare
amico di Asmodeo ( lo chiamava Caro Roberto…)
responsabile editoriale
di Varese
si chiama Stefano

Tenete a mente questi dati perché ci serviranno

A’ revoir les enfants

Anonimo ha detto...

Ciao raga’,

Sono Katiuscia,

Sto imparnado molte nozioni leggendo i vostri interventi.
Non ho ancora comprato il libro dossier ma mi prometto di farlo al più presto. Lo terrò vicino al comodino con Hello Spank!
Mi piace sentir parlare dell’epoca medievale, dei cavalieri e dell’amor cortese…
Non mi piacciono i neotemplari. Ho visto i loro siti e ho visto i loro volti da barman di periferia.
Meglio un buon romanzo.
Su cercator non so nulla. Ho visto il sito ed elogia gli autori. Mi sembra un buon segno.
Non capisco, poi, chi abbia ingannato chi. Vi lascio alle vostre diatribe.
Un bacione a tutti e grazie 1000

Anonimo ha detto...

Buongiorno a tutti quanti in ascolto…

Sono qui per porre solo due piccole domande.

Mi chiamo Adriano e ho 18 anni. Sono stato folgorato dal Codice da Vinci ed ho visto il film di Cage, National Tresure.

Prima domanda: perché Bonifacio VIII stava ad Anagni e Clemente V ad Avignone. Non avrebbero dovuto stare in Vaticano entrambi. E se guardate i due nomi delle città hanno lettere uguali: n, g, a, i…è un caso o è un segno templare?
Seconda domanda: si parla di Bonifacio VIII nei riti della massoneria scozzese di cui ha scritto il prof. Allegri Michele? Che cos’è il rito di York? Un rito templare di New York? Ho visto che gli americani dell’Osmth sono tutti massoni!

Grazie

Anonimo ha detto...

Cercatorperpetuo c’è o ci fa?

Lui dice di essere affiliato al rito del Royal Order of Scotland.
Se non sbaglio bisogna essere 32 del Rito scozzese per farne parte. Ma come? Ha scalato, arrampicandosi, tutta la gerarchia massonica-ecclesiastica per rivelarsi all’ultimo minuto un profano insapiente, uno che non c’è…non c’è….
Hai voglia di sedute….li cì vuole la riprogrammazione su Marte.
Fra poco apre un blog con Asmodeo e con sua eccellenza romana con l’anello al dito mignolo
( mister Venc), si chiameranno: ai confini della realtà neotemplare.

Ditemi, raga’, che non sapevate che il gran priore portava l’anello al mignolo? L’ho visto un mese fa….
Quanta raffinatezza! Che eleganza da Regno borbonico…che altezza, che portamento, che passo svelto….

Salamì, salamà, al neotemplare oggi non va de magnà

Complimenti per tutte le argomentazioni serie del vostro blog, amici autori e un saluto a tutti gli spiritosi..in particolare al Magnus Grande grandissimo Antonin

WWWW Antonin il blogger che ha tracciato la strada per noi tutti!!

Anonimo ha detto...

TANTI AUGURI A PAPA RATZINGER PER I SUOI OTTANT’ANNI!

LEGGETE IL SUO LIBRO SU GESU’

LEGGETE LIBRI COME IL DOSSIER E CERCATE VERAMENTE LA VERITA’. NON CADETE NELLE NEFANDEZZE DEI NEOTEMPLARI. AMATE E NON ODIATE. AIUTATE E SARETE AIUTATI. CRESCETE IN SPIRITO POICHE’ IL REGNO DEI CIELI E’ PER LE PERSONE POVERE ED UMILI. NON BUTTATE VIA IL DENARO IN COSE FRIVOLE. NON BUTTATE VIA IL DENARO DANDOLO A CHI SI METTE UN MANTELLO CON LA CROCE PER RECARSI IN RISTORANTI COSTOSI. QUEL DENARO SARA’ USATO PER SCOPI INDEGNI

GIOVANNI

Anonimo ha detto...

Allura Cercadur,

hai parlato, hai scritto, ora dicci come te ciami?

Fai sempre le cose a metà e le fai male.

Ma non ti rimorsa un po’ la coscienza? Ma guarda ti che ruba, ruba da matt..

Un abbraccio ad Allegri e a Sarpato. Por Bagaj

Anonimo ha detto...

Vi dimenticate di dire che Papa Bonifacio fu anche un gran sacerdote. Prodigo di aiuti verso il prossimo, era un mecenate stupendo per artisti dell’epoca.
Anagni deve essere orgogliosa di questa grande figura.

Il cattolico servo di Gesù e della Verità

Anonimo ha detto...

Buona mattinata!

Anch’io come Antonin ho un’allergia pazzesca, ai pollini , alle graminacee, ai venditori di patacche.

Son contento che il Dossier: i nuovi Templari possa essere acquistato in edicola. Mi sembra un’operazione giusta. Si vede che dietro c’è un gran lavoro per far conoscere aspetti del mondo templare che neppure conoscevo. E’ un’opera completa. Ha ragione CercatorPerpetuo. I colori e la copertina danno risalto al contenuto in maniera egregia. Io avrei preferito bianco e nero ma che bianco e rosso è bello. Il sigillo, quel sigillo templare con l’effigie di De Molay è fantastico.Mia mamma, povera donna, pensava che era un libro su Gesù.
Gli ho detto non è la stessa cosa. C’è anche la Chiesa nella storia tempera ma poi furono bruciati come eretici perché il Papa Clemente aveva accertato che facevano cose strane, come appunto l’adorazione di una testa magica celtica.
Mia mamma ha detto in dialetto: “ O Signur….”
Adesso gli racconterò anche la storia di Papa Bonifacio.
Ci rimarrà male, di nuovo!

A voi autori cristiani vi mando una preghiera attraverso Radio Maria perché vi protegga contro i massoni e contro i cattivi che pensano male di voi.

Brunello

Anonimo ha detto...

Forza Allegri!

Dovresti fare come Beppe Grillo: andare alle assemblee dei neotemplari a cantargliene quattro.

Saremo sempre con te Comitato-pro-dossier. Mirko, Agata, Jenny, Fabioz, Selvaggio.

Anonimo ha detto...

Che le inchieste di Allegri dessero fastidio, non c’era dubbio, che Allegri avesse centrato i difetti della galassia neotemplare era pacifico ma che uno o più cretini utilizzassero questo spazio per cercare di fare disinformazione è veramente troppo.
Non ho mai visto sapientoni chiesaioli, neotemplari e massoni intervenire. E’il segno manifesto che sono una mappata di ignoranti con o senza grembiule, con o senza mantello, con o senza rosario. Come detto in altri interventi, i minus sapiens non intervengono perché le loro finalità sono altre.. magna-magna…e come diceva Peppino…ho detto tutto.

Andate avanti e non fermatevi e mandate a quel paese sti rottami dell’ante guerra.
Cercator o non cercator, vogliono creare caos nel più bel blog del web! Che vada a quel paese anche lui.

Prisencolinnecialciusol

Anonimo ha detto...

L’eresia templare, come è stato più volte detto dagli autori, fuoriesce dal circuito tradizionale cristiano e del pensiero aristotelico.
Essi praticano la magia, una forma di richiamo di forze telluriche e fluviali.
Sono sicuro che i templari conoscessero la leggenda del Re del Mondo, del regno di Agharti, del popolo sotterraneo guidato da un re pronto a riprendere il suo posto di comando alla fine dei tempi.
Si può ipotizzare che Bonifacio stesse dalla loro. Infatti come abbiamo visto più volte molti sono i sacerdoti, vescovi e cardinali che condividono un pensiero misterioso che vien da Oriente e che ancora oggi è custodito da altri preti, come un tempo, i monaci buddisti.
La figura del monaco nasce in quel d’Egitto dove la magia era propria della casta sacerdotale.
Questa è sintesi l’eresia del Tempio: non rivelare che il sottosuolo è abitato da un’antichissima quanto progredita popolazione guidata da angeli e da un re che, talvolta, si manifesta.

URIEL

Anonimo ha detto...

Qualcuno ha citato la dott.ssa Frale. Ebbene è meglio dire che le sue scoperte non hanno cambiato nulla di ciò che gli storici sapevano già. Queste sono balle neotemplari nel tentativo di accreditarsi agli occhi dell’opinione pubblica ma come ricorda il buon Allegri, se qualcuno vuol farsi chimare templare , deve portare tutto l’onore della storia e sapere di essere un eretico in perpetuo…come cercator che tra ritrattazioni e prese di posizione ha fatto sbellicare dalle risate tutta la comunità web e dintorni.

Sabino

Anonimo ha detto...

Uì sono Generino da Avellino.

Mi associo al cumpare Cercatore Stefano con il grido pacifico di W IL DOSSIER, W I NOSTRI EROI…

Anonimo ha detto...

Buongiorno a tutti,
è permesso l’introito?
Sono TemplaRemo ( che non è una coniugazione verbale in romanesco)
Mi interessano gli interventi storici non quelli sul cercatordisturbato.
In merito alla figura del Papa, Bonifacio VIII, occorre dire che fu uno di quei pontefici che spinse per la fusione tra l’Ordine di San Giovanni e quello del Tempio di Salomone. Bonifacio avvertiva che i templari non erano più nelle grazie di molti nobili e, soprattutto, si erano troppo arricchiti alle spalle della Chiesa.
Voglio, infine, riportare quanto detto dal grande storico Michelet che redasse gli atti del processo ai templari “ Ciò che è tragico in questa vicenda è che la Chiesa è uccisa dalla Chiesa. Bonifacio fu colpito meno dal guanto di Sciarpa Colonna che dall’adesione dei gallicani all’appello di Filippo. Il tempio è messo sotto processo dagli inquisitori, abolito dal Papa…”.
Questa è sintesi l’opinione di Michelet, poi ripresa anche da Bordonove.
Fu la Chiesa a distruggere i templari e fu la Chiesa di Francia a lasciar solo Bonifacio.

Come possono i neotemplari pensare di falsificare impunemente la storia?

Come dicono gli autori del Dossier, i vari osmth, osmtj sono solo una carnevalata inventata da un francese iscritto al Grande Oriente di Francia che, tra le altre cose, era un ateo e anticlericale convinto.

Anonimo ha detto...

Ciao gente,

belin!

La vicenda Bonifacio e compagnia bella fa cadere tutta la situazione nell’ambito politico e mi sembra che sia lo stesso che contrapponga triangolarmente massoneria-chiesa-neotemplari.
Io un’idea che mi sono fatto ed è questa: i templari praticavano antichi culti di una civiltà scomparsa. Chiamamoli pure pagani, come dice Allegri, con una forte connotazione dell’opposto. Anticamente, infatti, c’era il femminino sacro, prima che si capovolgesse la verità. Mi sembra ovvio che i regnati conoscevano la storia e mi sembra ovvio che tenevano sotto scacco la Chiesa per alcuni motivi, di natura politica e di natura ontologia.
Il blog ci insegna a percorrere la via giusta per ristabilire le troppo verità nascoste, frutto di rimaneggiamenti politici.

Serjey

Anonimo ha detto...

Sì è vero con Bonifacio inizia la crisi del Tempio. Inizia la discesa di un Ordine militare e monacale che aveva utilizzato coperture particolari per rinvenire documenti sulla vera origine del cristianesimo.
Papi e re, all’inizio se li tenevano stretti ma poi li hanno sacrificato, giocando sulle debolezze dei riti e delle iniziazioni in cui messaggi criptici anti cristiani e anti giudaici giocavano un peso particolare. Si può azzardare le ipotesi che il Tempio rappresentò la summa di antichissimi tradizioni numeriche e babilonesi, ormai spodestate. Per Bafometto o i vari demonietti mi viene in mente la figura di Baal che era venerato in Israele prima di Jahvè

PIERRE D’AUMONT

Anonimo ha detto...

Cari autori,

vista la vostra eccellente preparazioni in tutti i campi, perché non promuovete un convegno su cristianità e templarità. Sarebbe un modo per parlare con obiettività di fatti storici, come lo schiaffo di Anagni o di realtà conviviali e folkloristiche come l’Osmth.

Un saluto ai blogger da Sincero

Anonimo ha detto...

Pace e prosperità a ciascuno!

Mi compiaccio con i blogger e con CercatorPerpetuo per la ritrovata volontà di mettersi in armonia e discussione.
E’ inutile dirlo ma l’invidia di molti soli ed abbandonati che si divertono ad indossare un mantello, in questo luogo, lascia il tempo che trova.
L’arricchimento culturale e di spirito e quel pizzico di spiritosaggine fanno di questo blog uno dei più gettonati sulla materia. Diciamo pure l’unico. Siamo tutti d’accordo, no?
Le molte voci anche in dissenso è indice di democrazia e di maturità.
Tutti sono ben rappresentati pro e contro. Il Dossier stesso fa il pro e contro di ogni argomento.
Volevo dirvi solo questo e mandare un salutone ai giovani scrittori che amano la verità, dicendogli di non prendersela. Non penso alla cattiveria di nessuno ma quanto all’invidia di chi appare capo organizzato ed invece guida un gregge sparso e malmostoso.

Riprendendo quanto diceva Tubal Cain, detto da me che non conosco nulla della massoneria ed ho imparato tutto qui: USATE AMORE, AMORE, AMORE…

Vasco

Anonimo ha detto...

Ma ciao belli!

Qui è OSCAR che vi parla.
A scuola non andavo molto bene in storia perchè trovavo i libri di testo assai nojosi, prolissi, pieni delle solite cose, date, orpelli... da quando ho letto il DOSSIER e ho cominciato a frequentare il vecchio blog e poi questo, la storia ha cominciato a piacermi. Argomenti interessanti, fatti che non si trovano sui libri canonici, spunti nuovi: potremmo chiamare questo blog STORIA VIVA!
Per esempio, io pensavo che 'lo schiaffo di Anagni' fosse un aneddoto, una specie di leggenda. Adesso ho capito che è un fatto storico e ho anche capito perchè è successo.
Ringrazio gli autori perchè con la loro gioventù mentale fanno piacere la storia anche ai testoni come me!
OSCAR

Anonimo ha detto...

Buona sera a tutti, sono Marysol.
Volevo solo dirvi che la prox settimana vado a Parigi e non mancherò di visitare San Sulpicio.
Cari autori e blogger, vi farò sapere le mie impressioni, sono molto emozionata, quando si sa cosa andare a guardare è tutta un'altra esperienza!

Baci&Abbracci

Marysol

Anonimo ha detto...

Cari autori, lo so che state proponendo un altro argomento ma so che siete sempre ben disposti a soddisfare le curiosità del vostro pubblico...
Ho visto Voyager e mi sono venuti i brividi a vedere certi filmati sugli alieni.
Per fare un riassuntino a chi non l'ha visto: importanti luoghi religiosi e miti religiosi in realtà sarebbero collegati con forme di vita extraterrestre che abitano sulla terra. Ci sono davvero le prove, detenute dai governi.
Insomma... cosa ne pensate autori?
Vi siete mai interessati ai cerchi nel grano?
Scusate l'irrefrenabile curiosità e grazie!!!

Circle79

Anonimo ha detto...

EVVIVA LA NOSTRA BATTAGLIA PER LA VERITA'


IL POPOLO DEL DOSSIER!

Anonimo ha detto...

Sono Protili L. di Siena,

m’interesso della vera storia del Tempio da più di vent’anni ed ho constatato che questo blog e il libro dei nuovi templari è ricco di aspetti da approfondire. Non è un libro di base, come alcuni pensano ma è un saggio ricco di argomentazioni. La bravura degli autori consiste nell’essersi espressi in un linguaggio moderno, senza fronzoli e senza commenti inutili.
E’ vero quello che dice il prof. Allegri, Bonifacio fu accusato dai francesi di aver tramato e ucciso Celestino V. Come in tutte le storie che riguardano il sempre presente Priorato di Sion, anche qui c’è un calabrese. Celestino era di quella terra, era stato un’eremita ( altro tema caro come sant’Antonio, 17 gennaio…) si chiamava Pietro da Morrone. Qualche anno fa sono andato a Rennes Le Chateau e visitando la celebre casa del parroco ho potuto vedere un ritratto di papa Celestino V. Questo Papa fu conosciuto per essere uno gnostico e perché apprezzò la geometria sacra come espressione di un antico sapere sconosciuto ai più.
Si sa da fonti storiche che tra i monaci celestini e i templari c’erano stati strettissimi rapporti.
Bisogna , quindi, far luce sul gran rifiuto di questo Papa e vedere se effettivamente un parte della Chiesa gli era molto ostile, poiché come eremita e gnostico filo cataro poteva mettere in discussione il potere della gerarchia.
Scusate per la di lungaggine e ringrazio tutti.

Anonimo ha detto...

Un saluto agli amicissimi scrittori della verità da Barbarella)0(!!

Non mi piace cercatorperpetuo, è brutto….toglietelo…

Anonimo ha detto...

Molti si dimenticano che l’alleanza tra trono ed altare avvenne tra la Chiesa e la Francia dai tempi di Clodoveo.
Un patto così stretto e così scellerato da non avere dubbie interpretazioni. La Chiesa veniva mantenuta in vita grazie al braccio secolare delle milizie francesi.
E chi erano mai i templari?
Come ci ricordano i nostri autori, erano galli, cioè francesi, erano nobili, cioè appartenenti al secondo Stato. Sono ben altra cosa dai neotemplari del quinto stato di oggi, che fanno sfilate su chi ha il mantello più bianco e, con una partita di giro, si autobeneficenziano…facendo pseudo-conferenze alle quali sono presenti solo loro, andando al cinema e al ristorante per raccontarsi come sono state le tornate di logge del capitolo dell’altra sera.
Banalità incredibili, come le stupidate che ha detto il primo cercatorperpetuo sprezzante che, come ha scritto Allegri, non ha un minimo da discrezione e crede che la sua appartenenza massonica sia una buona carta di presentazione per travolgere tutti e tutto.
Non, non va, cari signori neotemplari!
A voi che fate finta di essere templari, cattolici e persino studiosi di esoterismo direi, se vi incontrassi, dandovi una pacca sulle spalle : BELLE SPALLE RUBATE ALL’AGRICOLTURA!

ORLANDO FURIOSO18

Anonimo ha detto...

Carissimi ed amici che vi trovo sempre numerosi,

la storia delle accuse ai templari è ricca sempre di molti particolari.
Si può dire che sono le stesse che sono state riservate a Bonifacio. Nessuna sa se fossero vere o false. Perché Clemente V avrebbe dovuto temere una condanna? Che cosa avrebbe implicato?
Per i templari , gli inquisitori domenicani portarono le prove anche di cerimonie segrete nelle quali venivano ammesse donne e insegnato loro l’aborto( come facevano i catari eretici), infantidicidi ( che è la stessa accusa di aborto), baci osceni ( l’omossessualità era alquanto diffusa tra i templari e Ordini affini e ci sono schiaccianti testimonianze) ed infine magia nera. Le donne del tempo praticavano la magia nera. Ci fu un trattato, il Malleus maleficarum. Tutto l’esoterismo templare è luciferino e magico. Era una cosa praticata anche dai nobili del tempo.

Sant’Honorè

Anonimo ha detto...

iO CI STO A VENIRE IN GITA AD ANAGNI.

CLAUDIO PEREGO PORDENONE

Anonimo ha detto...

Egregi e stimati scrittori Allegri e Sarpato,

i molti interventi testimoniano il grande seguito che il dossier ha avuto ed ha ancora. C’è in tutte le edicole e quindi continua a tracciare la strada per molti, anche per me.
Ho trovato questo dato significativo. In Scozia, terra templare per eccellenza, intorno al 1297 era stato posto da Bonifacio VIII un vescovo di nome Lamberton. Lo stesso vescovo, qualche anno prima, era stato messo da Wallace cancelliere della cattedrale di Glasgow.
Lamberton era un patriota scozzese che cercava di tenere uniti i sudditi pagani sotto la Chiesa cattolica . In poche parole era un specie di Milingo da usarsi con le pinze. Aveva molti seguaci e cercava di conciliare i clan pagano-celtici con il mantenimento del cristianesimo. Da lì l’idea di un cristianesimo self styled che ancora oggi rimane, un cristianesimo celtico.

Londonderry

Anonimo ha detto...

Mi sono fatto delle risate a leggere le cretinate che in forum dicono tre che "si parlano addosso" pensando che ci sia q1ualcuno in ascolto.
Essi sono: l'immancabile Asmodeo che non sa neanche dove sta di casa, il novizio Rojes, El Tercio, Ragazzo di San Michele,quello delle guardie svizzere ( non è neppure sposato ma chi se lo piglia...) e il massone filo-inglese Cercatorlaf...che apre un blog e si da del frullato di mind

Tutti e tre marciano compatti contro l'Osmth di Venceslai. Arginiamoli!! Fermiamoli. L'Osmth è la più grande realtà templare attuale. Anmche Allegri e Sarpato li hanno elevati nel loro libro!

Ciao autori siete er mejo.. anch'iuo mi associo: W l'Osmth, W Venceslai, W il dossier, e i bloggers

Anonimo ha detto...

Ma chi è Asmodeo quello che hanno intervsitato gli autori e che diceva che il normo-tipo del neotemplare è basso, grasso, con gli occhiali?
Ma è semper quello che attaccava gli altri neotemplari ed ospitava le spataffiate di Rojes contro la democrazia e il Papa?

E' lui il grande Vecchio che cerca di confondare le acque oppure Rojes, Cercator e quant'altro non esisotono e fa un coro a più voci?

In fondo Giovanni Lettieri dell'Osmth ha scritto che cambiava un mantello al mese e che aveva chiesto l'affiliazione all'Osmth?

Che significa tanti cambiamenti di rotta? Chi c'è dietro?

Anonimo ha detto...

E SIA BEN INTESO A TUTTI CHE IL GRANDE ORIENTE D'ITALIA E' L'UNICA OBBEDIENZA REGOLARE E RICONOSCIUTA.

SONO MASSONE E SONO FIERO DI ESSERE UN BLOGGER.

LA MIA STIMA PER I GIOVANI AUTORI E' GRANDE.

P.Neri

Anonimo ha detto...

Bella autori!
Sono Nico, vi ricordate di me? Irene mi ha aiutato con la tesina! Ma Grazie!
Vi ho scritto perchè alla stazione di Firenze ho visto il vostro libro in edicola! Si vedeva lontano un miglio con la sua 'copertina che ha fatto la storia'!

Complimenti autori, siete i numeri 1!

Nico

Irene Sarpato ha detto...

Buona domenica a tutti cari Bloggers!

Cara Valentina, non mi sono dimenticata della tua richiesta di informazioni su Guglielma da Milano! Spero di soddisfare la tua curiosità con qualche spunto.

Innanzitutto, la vicenda di Guglielma è legata all'Italia. Quando parliamo dell'abbazia di Chiaravalle stiamo infatti parlando dell'abbazia milanese, situata nel quartiere vigentino.
San Bernardo di Chiaravalle, invece, è Bernard de Clairvaux, una località situata in Francia (Ville-sous-la-Ferté).

Con le geografia non abbiamo ancora finito perchè, parlando di Guglielma, incontriamo il mistero delle sue origini. Secondo alcune testimonianze, sarebbe Guglielma di Boemia, forse addirittura figlia o sorella di re Ottocaro di Boemia; per altri sarebbe invece Guglielma d'Inghilterra, figlia del re d'Inghilterra e moglie del re d'Ungheria.
Se la sua nascita è avvolta dal mistero, sappiamo per certo che morì a Milano tra il 1281 e il 1282 e, a vent'anni circa dalla sua morte, cominciò il processo per eresia contro i suoi fedeli, conosciuti come Figli dello Spirito Santo.
Uno di loro, Andrea Saramita, dice che Guglielma era l'incarnazione dello Spirito Santo, era venerata dai suoi fedeli come una santa e si era diffusa la convinzione che Guglielma fosse una donna-Cristo, la donna che avrebbe rinnovato la Chiesa al femminile come donna-papa.
Questo culto si sviluppò soprattutto presso i conventi degli Umiliati e delle Umiliate di Biassono (MI), di cui oggi, purtroppo, non rimane che un misero resto senza nemmeno una targa.
Pare quasi sicuro che il culto di Guglielma cominciò dopo la sua morte: nel giorno di San Bartolomeo (24 agosto) uomini e donne si recavano in processione all'abbazia cisterciense di Chiaravalle per celebrare la loro santa. Tuttavia, pare che Guglielma non accettasse il ruolo che i fedeli le attribuivano e rispose loro: "Andatevene, io non sono Dio".
La sua figura appare schiettamente religiosa, di alta spiritualità e non pare che avesse favorito un qualche tipo di eresia centrata sulla sua figura.
Ricordatevi sempre che tutto il Medioevo (e anche il periodo moderno) è attraversato da un'esigenza di rinnovamento spirituale e da un bisogno di tornare ad una Chiesa che segua l'exemplum Christi. A volte, gruppi che promuovevano questo rinnovamento potevano incappare nell'accusa di eresia. Per quanto riguarda i Fedeli di Guglielma, affiora tra le accuse anche quella di promiscui incontri orgiastici tra uomini e donne.
Come spesso accade in questi casi, andare alla ricerca delle 'prove' non è semplice.
Da parte mia auspico che almeno siano conservati e ricordati i luoghi che hanno visto svolgersi vicende spirituali e religiose importanti, perchè lo studio e la memoria possa continuare.

Irene Sarpato

Anonimo ha detto...

Ciao sono Gigi,

ho appena comprato il libro Dossier. Ho visto che c’è un gran pubblicità. Sono contento che gli autori critichino il templarismo ed invece approfondiscano gli aspetti più autentitici della storia templare.
Un augurio di un sempre miglior successo!

Anonimo ha detto...

Buongiorno,

bisogna avere profonda ammirazione per chi apre un blog così. Non lo dico per piaggeria ma è vero. Gentili autori siete riusciti a coinvolgere tanti giovani e tante persone con una parola magica che anche a me fa venire gioia, ricerca della verità.
Per me che sono credente cattolica e praticante è una speranza in più perché i giovani si avvicinino a questo sentiero che porta direttamente a Dio. Una società dell’essere e non dell’apparire. Questo messaggio genuino e spontaneo rende onore ai nostri due, anch’essi, giovani autori.

Vostra in Cristo,

Mirza Bonafè

Anonimo ha detto...

COME AVETE DETTO IN PIU’ OCCASIONI, CARI SARPATO ED ALLEGRI, IL TEMPLARISMO E LA MASSONERIA SONO ORGANIZZAZIONI SEPARATE, PER QUANTO MOLTISSIMI MASSONI SONO, AHIME’, NEOTEMPLARI.
LA MIA DOMANDA E’ LA SEGUENTE:
SE I NEOTEMPLARI SONO GUARDATI CON SOSPETTO DALLA CHIESA E DALLE VARIE OBBEDIENZE INIZIATICHE, QUALE POSIZIONE POSSONO PRENDERE?
RITORNARE A FABRE’ PALAPRAT E SEGUIRE LE ORME DALLA CHIESA GIOVANNITA?
MI SEMBRA, POI, E LA STORIA CE LO DIMOSTRA CHE L’AMBIENTE NEOTEMPLARE E’ DI ESTREMA DESTRA. SO CHE IN FRANCIA LE PEN HA MOLTI SEGUACI NEOTEMPLARI.

PADULLA’

Anonimo ha detto...

Il rapporto tra il papato e lo Stato monarchico è sempre stato conflittuale in Francia.
Solo nel caso dell’alleanza tra Filippo il bello e Clemente V si è avuto un percorso in comune che ha segnato la fine del glorioso Tempio.
Se, però, papa e re hanno dato una spinta, non si può dire che i templari non si siano impiccati molti anni prima con le loro mani. Il loro esoterismo magico pagano, l’accumulo spropositato di ricchezze, la loro debolezza militare da Hattin in avanti sono state le cause principali che li hanno allontanati dal benvolere del popolo.

Un saluto a tutti gli eruditi blogger che mi hanno preceduto.

Perché il sig. Roberto Cinquegrana da voi intervistato e eminente esponente neotemplare ( lui stersso dice di aver conosciuto tutti e frequentato ogni Osservanza) perché si fa chiamare Asmodeo ( dal nome della statua demoniaca di Rennes Les Chateaux) e perché pretende di riprendere simbologie del Priorato di Sion?

Treviri

Anonimo ha detto...

Kiao sono Jenny19!

E’ un kaso che Dante kollokhi all’inferno sia bonifakio che kelestino?

E’ troppo bello il vostro blog….w KerKator che esklama:” evviva gli skrittori sui templari..”

Anonimo ha detto...

Quando si capirà che nell'Ordine del Tempio militavano rudi aristocratici votati alla preghiera e alla guerra a cui non interessava l'ecumenismo, la sapienzialità universale o le agapi in trattoria?

Meglio lasciar riposare questi nobili cavalieri nelle loro cattedrali e sui campi di battaglia della terra santa e se si è affascinati dal loro passato sarebbe preferibile iscriversi alle tante associazioni che rievocano e studiano la loro storia ma non usare i loro simboli, i loro nomi, non spacciatesi per ciò che non si è e non si sarà mai.

Facile ergersi a templare senza pronunciare i voti solenni, senza soffrire le durezze di una ferrea disciplina monastico-militare, senza avere un'ascendenza nobiliare (cose che potevano andar bene 700 anni fa).

Anonimo ha detto...

Per l'ultimo intervento, cioè a Rojes, il re di San Michele...
che straparli a fare?...ti fa invidia l'Osmth perchè non sei nessuno mentre noi siamo i migliori?..ma togliti l'elmo che è meglio e lascia in pace Asmodeo Roberto che ne sa una in più del diavolo!

Dovunque vai ti becchiamo sempre, ti porti dietro la puzza...remember!

Vieni qua, come ai vecchi tempi....

B.B.B.

Anonimo ha detto...

Cari autori,

perchè date spazio all'insensate parole dell'umile novizio Rojes che, assieme, ad Asmodeo in passato ha creato casini nel vostro blog?

Lo so che si divertono a sbeffeggiare Venceslai e So., però è di cattivo gusto detto da loro.
Negli occhi non hanno una trave ma un TIR...di ignoranza e maldicenza contro l'unica Osservanza neotemplare con la carta in regola.

Vi prego autori, quindi, non date voce a chi grida come Rojes ( che appartiene all'action français di Maurras..w Sarkozy..)

Jerosa

Anonimo ha detto...

SIETE I PIU' GRANDI SCRITTORI ITALIANI SUI TEMPALRI


DOMENICO C.

Anonimo ha detto...

Roberto ( di secondo nome) Rojes è un blasfemo ed un antidemocratico

Inneggia all’esoterismo cristiano sul modello di Otto Rahn.

La Chiesa cattolica è anni che non sa cosa farsene di codeste persone.Usa un linguaggio da TFP ed attacca i movimenti neotemplari perché credono nel Concilio Vaticano II e quindi credono nell’attuale Pontefice regnante

Il Kattoliko neotemplare che ama il dossier

Anonimo ha detto...

Buongiorno,

sono sempre le solite polemiche innescate da un perditempo toscano che fa il fattorino!

Ma bisogna dare importanza al solito umorista di turno?
Dobbiamo per forza essere costretti a ridere, sentendo la solita balla della sospensione in barba alla Chiesa di Roma?
Ma quale legittimità hanno un fattorino con mantellina da dopo-lavoro ed un pensionato nostalgico del Duce?
Che fa oggi Rojes, ricorda lo zio della RSI?
Si aggiorni e si iscriva, piuttosto, al partito dell’on. Gianfranco Fini al quale non è degno di legargli le stringhe delle scarpe.

Ma mi facciano il piacere…

Scusatemi gentili autori ma non se ne può più di siffatte barzellette viventi!

Berengario

Anonimo ha detto...

Quali sono stati i rapporti tra Celestino V e il cardinal Caetani?

C’è qualche documento storico a proposito?

W il dossier e viva gli autori del dossier

Pimpa

Anonimo ha detto...

Bella raga’,

avete visto due giorni fa l’ultima puntata di Voyager?
Giacobbo ha parlato dei cavalieri del Tempio, di Rennes e dell’Egitto ma soprattutto della mitica Arca dell’Alleanza che ha poteri incredibili ed è stata nascosta dai cavalieri .
Ormai quando guardo una puntata so già tutto perché ho letto il manuale dei manuali, la bibbia dei templari, il dossier…..che ha fatto la storia..

Lys

Anonimo ha detto...

Perché Ashamadaeva/Asmodeo attacca sempre le altre formazioni neotemplari, di Venceslai, di Zampolli, di Lucioli e di Paris quando lui è stato il primo a volerle frequentare tutte?
Che intenzioni ha? Chi ci sta dietro?
Mi pare sia una persona alquanto incoerente ma non sta a me giudicare.Mi pare, però, che Asmodeo pensi di essere uno stratega ed invece finisce sempre per essere lo “strategato”. Lo dico perché ha dato spazio al finto cercatorPerpetuo se non per lo scopo di attaccare gli scrittori che lo avevano intervistato ed invece, come sempre nel suo caso, si è ritorto contro di lui.
La sua duplicità di dire e fare in maniera doppia e contrastante deve essere una caratteristica che dovrete sottolineare quando aggiornerete il libro sul censimento dei gruppi italiani neotemplari.
Dove c’è incoerenza, c’è inaffidabilità.

Anonimo ha detto...

Uì,

mi diverto un sacco a vedere come centinai e centinai di invidiosi stiano incollati a questo blog con il cimurro.

W i blogger, w il dossier, abbasso gli ignoranti ed arroganti

Anonimo ha detto...

Cari scrittori,

quando introdurrete in maniera completa il tema templari e cavalieri della tavola rotonda?
C’è il bisogno di approfondire il tema dell’isola dei morti, di Avalon e del regno segreto che i templari avrebbero scoperto all’interno della Terra cava.
Brillanti scrittori, Allegri e Sarpato, sarà sempre con voi. Fatemi un fischio ed io sarò con voi ad aiutarvi nella vostra battaglia per la verità. Ora e sempre e come dicevano i nostri fratelli templari, perinde ac cadaver.

L’ofiuco di De Négre

Anonimo ha detto...

Ciao Allegri, ciao Sarpato, le cose stanno come le descrivete bene voi.
Io mi soffermerei su un fatto. Celestino fu eletto al soglio pontificio nel 1294. Non tutti i cardinali erano affascinati dall’idea di vedere un ex eremita conquistare la poltrona più considerevole della cristianità. C’era il ricordo dell’eresia cristiana albigese e c’erano in giro molti monaci, come Gioacchino da Fiore, che profetizzavano la venuta del regno dello Spirito Santo. Era un momento nel quale molti pensavano che avrebbero vinto le tendenze gnostiche. Anche i templari erano gnostici, oltre che pagani, come avete rimarcato più volte voi.
Ebbene la scelta di Celestino ricadde su una persona priva di ambizioni politiche ed è questa doppia tenaglia di eresie e di pretese laiche di principi e re che capovolgono la situazione poco dopo e portano Bonifacio VIII all’elezione. Sul presunto complotto contro Celestino non si hanno prove storiche. E’ certo, però, che Filippo il bello e il suo manutengolo, De Nogaret, la sapevano lunga, come dimostra il processo di eresia contro i templari.

Non posso far altro che complimentarmi anch’io con i due giovani e preparati scrittori e con molti intervenuti.

Un saluto particolare dal prof- dott. Giusto

Anonimo ha detto...

Ho notato che c’è lo stesso rapporto di amore/odio tra i templari/nuovitemplari/Chiesa.

Secondo voi gli attuali neotemplari eretici saprebbero costituire un movimento alternativo a quelli laico-ecclesiastici e far tornare il cristianesimo ad un messaggio primitivo, quello dei rotoli di Qumram e di Nag Hammadi, dove “vive” un Cristo egiziano immerso nelle culture ermetiche e gnostiche del tempo?

Io me lo auspicherei.Il messaggio paolino è stata pure invenzione. Oggi la gente se ne è accorta.

Grazie per l’ospitalità e vi invio un mio caro saluto, gentili autori del dossier.

Anonimo ha detto...

Allora, ormai, si capisce tutto l’interesse di un piccolo gruppo di neotemplari toscani di attaccare gli altri gruppi più rappresentativi. La storia dei neotemplari che ci consegnate, o autori dei Nuovi Templari, è quella di un manipolo di profani che giocherellano con il mantello, facendo riunioni in cui aleggia poca sapienza ma abbondanza di formaggio e focaccine al miele, con un tantinello di vino…..
E poi abbiamo anche l’allegro pantofolaio di Roberto Rojes che più che libri di Penne e Papiri non ha in casa. Ma è possibile che siano così sempre bassi gli interventi che questi signori fanno? E cercator, quello vero, come fa a farsi fregare da un neotemplare?
Come fa?
Farebbe bene a darsi del cretino, oltretutto.
Sì sono d’accordo con un blogger, questo è il blog più visitato e più gettonato. Ci sarà sempre più pubblico perché siete i migliori, i più bravi a difendere la verità, senza farsi trascinare nelle maglie di piccoli demoni sprovveduti. Solo voi siete coerenti e questa è una caratteristica che gli altri vi invidiano, con i loro voli pindarici, con le loro fantasticherie da maison o da pensionati “ Del Re”…..ANNUIT COEPTIS…SOLIS SACERDOTIBUS….EVVIVA IL DOSSIER

Anonimo ha detto...

Cari autori,

quando si potrà parlare più compiutamente della Massoneria, del suo pensiero gnostico e del suo tesoro sapienziale?

Con un Triplice abbraccio,

Il conte di Saint Germain?

Anonimo ha detto...

Blogger, fatevi un giro nei blog dei neotemplari. O non ci sono interventi o parlano in due tra loro. Che roba da matti. Costruiscono, fanno e disfano, poi sono sempre quattro gatti.
E lo scribacchino di Rojes?
Perché lo cuccano sempre, qualunque mossa faccia?

Aristide

Anonimo ha detto...

Amici, lo sapevate che la dott.ssa Anna Giacomini, alta dignitaria della Comunione massonica irregolare della Gran Loggia d’Italia ( quella che ha affiliato Don Rosario Esposito dei paolini di Famiglia Cristiana) fa parte della LARTI ( Libera associazione che studia “rigorosamente” il Tempio, già citata dai due nostri autori) ed è stata intervistata, si fa per dire, dal dignitario napoletano Osmth, Giovanni Lettieri a riprova del legame tra il mondo neotemplare e la massoneria di frangia?

SEGIO

Anonimo ha detto...

La vicenda di papa Bonifacio segna un periodo di debolezza per la Chiesa di Roma. Pretendeva di usare la spada ed invece finì schiaffeggiato. Forse avrebbe dovuto seguire le parole di Gesù quando dice: “ Date a Cesare quel che è di Cesare…” ma c’è chi pensa di fare accordi con Mammona e poi piagnucola se non vince.

Anonimo ha detto...

Nel libro di Roberto Ambelain, il mortale segreto dei templari o Gesù, sta scritto che i cavalieri avevano scoperto che Gesù era figlio di Giuda il Galileo, uno zelota ribelle del quale si hanno notizie precise come rivoltoso nel 6 dopo Cristo.Inoltre dice che Gesù fu ucciso perché sedizioso contro Roma.
Anche Corrado Augias ha sollevato molti dubbi sulla figura reale del Cristo. Cioè se si lascia stare il mito, quale è la vita vera, quanto ci hanno ricamato su? In fondo, come ormai è riconosciuto Gesù era un ebreo e lo rimase fino alla fine dei suoi giorni.
Occorre che i cristiani si avvicino sempre più all’esperienze ebraiche, come hanno fatto negli USA. Solo così conosceranno il vero Gesù.
E per i templari vale lo stesso discorso.Non erano forse i cavalieri del Tempio di Salomone?

B. Leon

Anonimo ha detto...

Paganesimo, magia nera e stregoneria sono stati i tre ingredienti delle eresie medievali.
Se si gratta l’eresia compare la magia. E’ una tradizione antica, risalente all’antico Egitto e praticata anche da un altro figlio di Dio, Simon Mago o da Zoroastro, i cui devoti erano i tre re magi.

Compratevi in edicola il dvd Gli Altri messia di National Geografic ( che ha pubblicato il Vangelo di Giuda). Si tratteggiano le figure di Simon Mago, Apollonio di Tiara, Bar Kochba, Mitra. Persone o miti che facevano miracoli ed erano venerati come figli di Dio, prima che il Concilio di Nicea e l’imperatore Costantino truccassero le carte nel 312/313.

Vi seguo sempre con interesse,

l’umile cataro

Anonimo ha detto...

Salve!

Con tutto il fiato che i nuovi templari sprecano nel “parlarsi addosso” si potrebbe gonfiare un dirigibile. Pensano di essere il priorato di sion e di proclamare che Gesù è seppellito in Francia e alla sua custodia ci starebbero il diavolo Asmodeo e non so cos’altro. Ma vedete che imbeccilità anti storica!
Per fortuna che c’è il dossier a tracciare la strada a dare posizioni rigorosamente scientifiche ed è quello che noi cattolici abbiamo bisogno, senza sentir “straparlare” il massone neotemplare di turno.

Attenzione che non vi facciano la prova del palloncino. Il livello potrebbe essere alto e c’è il rischio del ritiro della patente!

Mangiate meno, bevete meno e straparlate meno di Gesù e dei Papi.

Il beato angelico

Anonimo ha detto...

BUONGIORNO A TUTTI!

SONO QUI PER RINNOVARE ANCORA UNA VOLTA APPREZZAMENTO, STIMA E LODE PER IL DOSSIER E PER I PRESTIGIOSI AUTORI AI QUALI HO INDIRIZZATO DECINE E DECINE DI E-MAIL TESSENDO LE LORO LODI E METTENDOMI A DISPOSIZIONE PER DARGLI EVENTUALI INFORMAZIONI SU QUESTO O QUEL GRUPPO NEOTEMPLARE.
GLI AUTORI HANNO SEMPRE RIFIUTATO QUESTO MIO AIUTO MA IO GLIELO SEMPRE OFFERTO SPONTANEAMENTE COME SEGNO DI RISPETTO.
PER QUESTO MI UNISCO AL CORO E DICO A GRAN VOCE:
W IL DOSSIER, W GLI AUTORI

R.C + P.D.

Anonimo ha detto...

Un grande saluto particolare agli splendidi autori del' dossier e a tutti gli intervenuti del blog dal vostro caro amico Pablo Norberto da Barcellona, il vero traghettatore.

Anonimo ha detto...

Ciao C.R.,

Non sarai mica capitato qui ancora una volta per offendere l’Osmth o l’Ordine di De Molay?
Tutti sanno che hai sentimenti anti massonici perché sai che solo lì c’è il vero esoterismo salomonico- templare. La benda, i ceri, il pavimento a scacchi sono tutti riti templari che solo in Massoneria ritrovi da ben quattrocento anni. Lo so che hai provato ad entrare in molte Obbedienze e ti hanno rifiutato perché non sei preparato e puro di animo. Ami il combattimento ed invochi il Re del Mondo.
Dov’è finito l’avvocato del Re….. merovingio e…. del diavolo…. Asmodeo?
L’uomo con l’armatura, la cotta e l’elmo appena il gioco si fa duro, si squaglia come un gelato al limone e tu pure che più che piagnucolare non fai. Siete in stato avanzato di decomposizione.

Ma è possibile che non vi scrollate di dosso questa immagine da chiacchieroni da bar che amate indossare ciclicamente quando vi vengono le paturnie?
E fatela finita che più blaterate e più vi incasinate .
Ciao dal vostro amico L.Graham.

Anonimo ha detto...

Buongiorno,

ho letto con vivo interesse la requisitoria del vero CercatorPerpetuo. Si capisce che è stato qualche neotemplare a doppiarlo. Se tanto mi da tanto, c’è una sola persona che si allunga le mani e gioca a ping pong da solo. Uno che si è infiltrato da anni tra i neotemplari, che ha cercato di iscriversi dappertutto e da tutti è stato rifiutato, uno che scredita da sempre il mondo neotemplare, massonico e cattolico per una finalità di crapula. A voi, l’ardua sentenza su chi sia mister y.

Un saluto da Stocovaz

Anonimo ha detto...

SALVE GRANDISSIMI AUTORI, AVETE IN PROGRAMMA DI APRIRE UNA DISCUSSIONE SUI TESORI DEI TEMPLARI?

ADRIANO21

Anonimo ha detto...

Quando si capirà una buona volta che i templari furono eretici impenitenti e che il loro esoterismo anti-cristiano proviene da antichi culti isiaci ( di Iside) egiziani e celtici legati alle sorgenti d’acqua e alle forze telluriche? Più di un papa ha condannato l’Ordine del Tempio per la condotta anti cristiana dello stesso. Fatevi un giro in Linguadoca e toccherete con mano quanta gente va a messa
( NESSUNO!). Leggetevi il libro “i templari sono tra noi” del grande Gerard De Sede e scoprirete quanto forte sia ancora oggi il Tempio, pronto al suo riscatto nell’Era dell’Acquario contro la falsa chiesa.
Ogni pensiero positivo è rivolto a voi autori e alla vostra ricerca della Verità.

Andrè Bonhomme SATOR

Anonimo ha detto...

Bella amici sono Triskel!

State tutti bene? Tutti a mollo nell'acqua torrenziale ke viene giù?
Secondo voi anke i neotemplari si bagnano i piedi? Non oso immaginare l'odorino... se poi, come diceva una volta qualcuno, non si lavano come prescrive la regola...
Ma volevo parlarvi di un'altra cosa!
Sono uscito fuori di testa negli ultimi tempi a leggere le storie della razza favolosa che vive sottoterra.
Autori: ne potete parlare ancora?
Queste sono le cose che fanno drizzare i peli sulle braccia alla gente, non certo le baggianate di qualche pseudo-neo-templare...

Triskel

Anonimo ha detto...

Buongiorno autori,

sono un vostro nuovo ospite. Il mio nick è Grallon ed ho appena letto il dossier. L’ho trovato limpido e scorrevole e soprattutto una novità, visto che tratta dei nuovi movimenti new age che riprendono l’esoterismo templare. Diciamo che la vostra ricerca è unica nel panorama letterario italiano e questo è un bene, poiché le novità e i cambiamenti sono le qualità che la gente cerca nelle librerie.
Rispetto al vostro post su Bonifacio, tanti hanno scritto, detto o parlato. Io, semplicemente, sarei con coloro che non considerano Bonifacio, né nel bene né nel male.
Una cosa, infatti, sono i templari con il loro portato esoterico gallo-celtico e con il loro sincretismo di marca orientale, altra cosa è la chiesa cattolica di derivazione paolina che ha cancellato le vere origini del cristanesimo.
Infatti, come ho letto in decine e decine di libri e come è comprovato da studi più recenti, il Tempio si copriva con il cattolicesimo per poter agire indisturbato. I templari non hanno mai difeso alcun pellegrino né aiutato la causa della Chiesa. Semmai in Palestina e altrove si accordavano con i mussulmani, facendo anche traffico di reliquie. E questo è storia, la vera storia.
Come gli altri blogger, mi aggiungo anch’io a fare i migliori auguri per una sempre maggior riuscita nelle vostre libere ricerche.
Grazie anche da un umile amante della ricerca del Graal!

Anonimo ha detto...

Ciao Sono Apollonio18

Ho letto che la vera eredita dell’Ordine del Tempio ce l’hanno la massoneria di regime rettificato e l’Ordine De Molay che è la più importante organizzazione giovanile mondiale che, ancora oggi, applica i veri valori templari di coraggio, forza ed altruismo.

Vi ringrazio per l’ospitalità e……evviva il dossier!

Anonimo ha detto...

ZOUF…..DATE SPAZIO ANCORA A ROJES, QUELLO CHE NON SI FA IL BAGNO E CHE, DUNQUE, NON TROVA MOGLIE….ACCIPICCHIA…CHE REGOLA TEMPLARE APPLICA, QUELLA DI MEGLIO SOLI CHE MALE ACCOMPAGNATI?
MAIS, COME TOUT LE MONDE SAIT, LUI STA BENE SOLO QUANDO “CIANCICA” CON LE DEMON GARDIEN A’ MIDI’!

NOI, INVECE, SIAMO PER LA TRADIZIONE, CARO ROJES, LA VERA TRADIZIONE E NON CI INTERESSANO LE TUE PSEUDOFANTASTICHERIE LETTE IN QUALCHE LIBRETTO D’ APPENDICE COMPRATO ALLLA BANCARELLA DI QUALCHE MERCATO PER POCHI EURO ! E’ INUTILE CHE INSISTI A CREDERTI ISOTTA. QUEL RUOLO E’ GIA’ STATO ASSEGNATO AD UN TUO AMICO!
LA CAVALLERIA TEMPLARE E’ ALTRA COSA E… LASCIA PERDERE TANTO NON HAI IL FISICO DEL RUOLO!

IL VERO TEMPIO E’ PER LA PACE NEL MONDO E NON STA A ROMA.
VIENI A TROVARCI NELLA NOSTRA CAPITALE, BOURGES, TI ASPETTEREMO E TI FAREMO AMMIRARE IL SACRO CUORE DI NOSTRA SIGNORA !

VAINCRE

p.s……..Tanti auguri ai due scrittori perché hanno fatto BINGO!!!!

Anonimo ha detto...

Ciao sono Babel e sono qui per testimoniare che il vero Tempio è eretico e pagano, dedito alla magia e seguace dell'ermetismo egizio.

Anonimo ha detto...

Neotemplarismo
La situazione Italiana ed internazionale è enormemente confusa sul piano dell'identità templare. In piu' occasioni ed in piu' parti abbiamo cercato di fare il punto della situazione in merito agli innumerevoli gruppi esistenti.

Studiare le loro origini ci farà meglio comprendere tale fenomeno. non sono d'accordo con tanti storici i quali si fermano ad analizzare l'Ordine Templare fino al 1314. Quello che è successo dopo ha avuto una rilevanza mondiale e molti dei gruppi odierni si richiamano molto spesso a quell'identità. E' quindi giusto tracciare o cercare di tracciare un filo conduttore che ci permetta di comprendere i seguenti aspetti :


Chi sono
Quanti sono
Cosa fanno
Perchè lo fanno
Risposto a queste domande sarà piu' chiaro comprendere tale fenomeno. A iniziare questo tipo di analisi ci hanno pensato due scrittori, Sarpato ed Allegri scrivendo un pregevole libro chiamato DOSSIER: I NUOVI TEMPLARI. E' davvero sorprendente su come abbiamo potuto schematizzare le Osservanze piu' importanti. Ma io credo che l'analisi non sia finita qui. Sono piu' che convinto che esista una realtà ancora piu' importante che incarni la realtà templare piu' occulta.

Fatemi sapere cosa ne pensate.



Roberto Cinquegrana

Anonimo ha detto...

Non per piacere, no Cinquegrana no!

Portate dell'aglio e una punta di frassino!!

Apolonnio18

Anonimo ha detto...

Quello che dice Cinquegrana è tratto dal suo sito!
Ma bisogna veramente conclamare tutto ciò che ha scritto?

Anonimo ha detto...

Spettabili frequentatori del Blog, volevo porre l'accento sul malcontento comune che si intravede dagli interventi. Invio però alla calma ed a non scagliarsi solo sull'OSMTH. Come dicevo nel precedente Post credo che Noi tutti Neotemplari dobbiamo fare il mea culpa su come sono state impostate le nostre organizzazioni. Però ora basta. E' bene sedersi dietro ad un tavolo e decidere davvero quali devono essere gli obiettivi per rispondere definitivamente a parametri di coerenza rispetto a quello che fu l'Ordine nel XIII secolo. Sono convinto che molti prenderanno in esame questa mia considerazione. Un saluto a Tutti indistintamente R. Cinquegrana

Anonimo ha detto...

Ha ragione Cinquegrana!

Il vostro libro ha dato dei risultati egregi, ristabilendo la verità. I templari furono dei celti!

Ro-Babel-carmensita

Anonimo ha detto...

Se dobbiamo discutere ancora sui massimi sistemi interno alla vicende neotemplari, non si va da alcuna parte. Nel dossier troviamo tutto ciò che sono: folclristici, massoni, new age, banchettari..
Nel blog abbiamo visto ciò che sono stati: arroganti, insipienti e banali.
Dal dossier e dal blog sappiamo ciò che furono veramente i templari: un Ordine monastico-militare che nascondeva al suo interno un’antica eresia, un vero segreto di natura pagana, reale e concreto incentrato sulla figura dell’idolo Bafometto e dell’origine del mondo materiale.
L’Opinione pubblica ormai sa tutto del Tempio ed è ormai tempo che si riappropi della sua cultura.

Gnomone da Stienta

Anonimo ha detto...

Da cattolico rimpiango il carattere fermo e deciso di Bonifacio che non volle inchinarsi ai soprusi della laicità dello Stato.

Un appello perché so che siete in tanti e molti, anche, armati di vera fede:

Venite tutti al Family Day per ribadire i valori cristiani che in molti hanno tradito, persino i templari che si fecero corrompere dall’avidità del denaro, dal potere temporale e dall’eresia catara.

Fra’ Astolfo

Anonimo ha detto...

Ciao amisss,

mi chiamo Soperchia, il satirico epigrammista e vi espongo un indovinello-enigma:

Tanto mangiava, quanto beveva
Poco fumava ma non si allontanava
dall’ignoranza e dal bisbigliar .

Ora grida: io fui un templare
Senza dimenticare che non avea più l’età
Un MOVIMENTO poco attento lui ha fa’
Dove andra’? Chi lo sa!
Una cosa sola il mondo si domanderà:
Di strada non ne farà, questo è certo
Cadrà sotto il peso dell’età e non solo…ed infine dal pasticciere ritornerà a rimpinzà lo sstommacco!

Offro 2 centesimi a chi mi indovina il personaggio ( il templare, da giovane, è stato un giovane commentatore radiofonico di dibattiti politici) e altri 2 centesimi a chi mi dice cosa sta facendo il nostro templarnonnuoce….se non a sé medesimo di sponte suia.

Scusate scrittori se vi ho preso un paginetta ma è giusto tirar su un po’ il morale alla truppa.
Come si dice: è troppo…la truppa senza trippa

Anonimo ha detto...

Cosa ne pensate dell’affermazione di Papa Benedetto XVI in merito alla comunità essenica?

Mi piacerebbe avere un parere autorevole del sig. Cinquegrana al quale invio un mio caloroso saluto fraterno.

Billbixby

Anonimo ha detto...

E’ facile mettersi un mantello e fare delle sfilate in luoghi pubblici.
I nuovi templari farebbero bene a comportarsi da Templari, con spirito di dedizione alla causa occidentale ed europea. Io non faccio distinzioni particolari. Nei templari convissero sia i cristiani( ortodossi ed eretici) che i pagani, ognuno con il proprio portato esoterico. Nulla a che spartire con le tavolate di oggi dove scorrono fiumi di vino e ci si lascia andare a fantasiose rappresentazioni.
Ognuno è libero di fare ciò che vuole ovviamente ma il vero Tempio deve ancora essere studiato ed applicato con disciplina e senso del dovere.

Saluto anche mi critica

Rojes o meglio il vero Babel

Il Templare (Ricerca & Conoscenza) ha detto...

Rispondo al Sig.Billbixby . Sto ancora leggendo il libro del papa in quanto preso con altri 3 contemporaneamente e con la redazione delle ultime pagine del mio personale libro.

Mi pare che l'ipotesi di Benedetto XVI è a pag 34 (ma non vorrei sbagliarmi) dove asserisce che sia Gesu' che Giovanni Battista erano stati "formati" nella comunità Essena. Poi sorvola nel dettaglio e cambia argomento.

Sinceramente sono rimasto molto perplesso da questa sua ipotesi/affermazione. In ogni caso è un bene che si incominci a fare luce negli anni oscuri del Cristo e cioè dalla sua gioveinezza agli anni della predicazione.

Un saluto a tutti

Roberto Cinquegrana

PS: io intervengo SEMPRE con il nick, quindi chi interverrà a mio nome ovviamente è un copia/incolla o un truffatore.

Anonimo ha detto...

Sono Amedeo!

Ho letto l'esimio intervento di Roberto Cinquegrana ma alcuni conti non mi tornano.

Più di una volta Il Cinque ha detto di aspettare una chiamata dal Papa ( quindi solo un cattolico direbbe ciò), dopo ha detto di essere gnostico ( quindi eretico), poi ha preso il nickname Asmodeo ( il nome di un diavolo).
Rilascia un 'intervista dove sparanei confronti dei Nuovi Templari . Lui stesso, poi, dice di essere un neotemplare della Tradizione ( quindi dice di essere anti-massone), poi lascia parlare un falso cercatorperpetuo che si dichara massone mentre contemporaneamente appoggia ciò che dice l'integralista Rojes anti-massone (non so se il primo o il secondo). Intanto critica ed è criticato dall'Osmth a cui ha chiesto l'iscrizione così come è andato ed uscito dal gruppo Zampolli, Paris Lucioli e Presidium ( guidato da un fratello libero muratore).

Poi, chicca delle chicche, scrive che il dossier è un ottimo libro mentre contemporaneamente sui suoi blog e forum dice il contrario ( ho una copia di queste sue asserzioni se volete faccio il copia incolla)....

Ma Cinquegrana è attendibile? E' una domanda legittima.Lo chiedo anche a voi autori che gli avete dato spazio.

Anche perchè mi è parso di capire che interviene con altri nomi o in modo anonimo ( soprattutto quando vuol forzatamente parlare di Zampolli...)


Non c'è alcuna polemica ma solo, come dite voi, amor di verità.

Grazie

Anonimo ha detto...

C. e' proprio irrecuperabile.
Ha il cuore stracolmo di odio. Ha seminato zizzania tra i neotemplari per il suo egocentrismo e si è scavato la fossa da solo.
Nella mente ha solo acqua sporca!

Un saluto gradito ai due autori,

Vostro S.

Anonimo ha detto...

Alla grande!

bella gente!

Ho visto il sito http://amicidelcodicedavinci.blogspot.com

Grandi Allegri e Sarpato

P.S.: Ho visto che Venceslai ha aderito all'associazione il Cenacolo dei viaggiatori, un club che riunisce le meglio forchette e che si dedica ad attività enograstonomiche...Eno è il vino, e gastronomiche riguarda la panza
Quando ne parlate dei templari dell'Hostaria?

Ciao da Tattò